Lodovico Frapolli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lodovico Frapolli (Milano, 23 marzo 1815[1]Torino, 25 aprile 1878[1]) è stato un politico, ingegnere e patriota italiano con cittadinanza svizzera.

Membro della famiglia svizzera di Scareglia trasferitasi a Milano, si laureò a Parigi in ingegneria mineraria[1]. Dopo la laurea si recò spesso in Francia, Germania e Svezia per questioni di ricerca e studio.

Partecipò attivamente ai moti risorgimentali ed alla Repubblica romana, recandosi spesso in missione a Parigi[1]. Nel 1849 fu però espulso dalla Francia; decise quindi di trasferirsi in Canton Ticino, ottenendo la cittadinanza svizzera grazie anche alle proprie origini familiari[1]. Rimase in Svizzera fino al 1853, entrando in contatto con la Tipografia Elvetica[1].

Tra il 1860 ed il 1871 prese parte alle imprese garibaldine[2], raggiungendo gli alti vertici militari[3].

Fu deputato nella VII Legislatura del Regno di Sardegna e dalla IX alla XI Legislatura del Regno d'Italia[2], nelle file dell'opposizione di sinistra[3].

Il 10 dicembre 1862 venne iniziato massone a Torino nella "loggia Dante Alighieri", della quale divenne "maestro venerabile"[2]. Raggiunse i massimi vertici del Grande Oriente d'Italia, del quale fu gran Maestro dal 1867 al 1870[2]. Arrivò al 33º grado del Rito scozzese[2].

Morì suicida in manicomio[4] nel 1878[2][3].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d e f Biografia sul Dizionario storico della Svizzera, hls-dhs-dss.ch. URL consultato il 3-4-2011.
  2. ^ a b c d e f I vertici della Massoneria Italiana, akhenaton.org. URL consultato il 3-4-2011.
  3. ^ a b c Progetto archivi storici della Provincia di Sondrio, Provincia di Sondrio. URL consultato il 3-4-2011.
  4. ^ La Massoneria italiana negli anni dell'unità (PDF), massoneriascozzese.it. URL consultato il 3-4-2011.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Luigi Polo Friz, La massoneria italiana nel decennio post unitario: Lodovico Frapolli, FrancoAngeli, 1998. ISBN 8846409175.
  • Luigi Polo Friz, Una voce. Ludovico Frapolli. I fondamenti della prima massoneria italiana, Arktos, 1998. ISBN 8870490793.
  • Mario Menghini, Lodovico Frapolli e le sue missioni diplomatiche a Parigi (1848-1849), Le Monnier, 1930.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Predecessore Gran maestro del Grande Oriente d'Italia Successore Square compasses.svg
Filippo Cordova 2 agosto 1867 - 7 settembre 1870 Giuseppe Mazzoni

Controllo di autorità VIAF: 76483546 LCCN: n90645682








Creative Commons License