Lorenzo Mossini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lorenzo Mossini
Lorenzo Mossini.jpg
Lorenzo Mossini con la maglia del Como (1981)
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1991
Carriera
Giovanili
 ????-1971
1971-1976
Flag of None.svg Audax Poviglio
Reggiana Reggiana
Squadre di club1
1976-1981 Reggiana Reggiana 94 (17)
1981-1982 Como Como 21 (2)
1982-1983 Reggiana Reggiana 33 (3)
1983-1986 Brescia Brescia 89 (8)
1986-1989 Messina Messina 109 (6)
1989-1990 Piacenza Piacenza 31 (0)
1990-1991 Torres Torres 28 (0)
1993-1994 Bianco e Nero.svg Virtus Roteglia
Carriera da allenatore
1994-1999 600px Rosso e Blu (Strisce).png Scandiano
 ???? Reggiana Reggiana Giovanili
2002 Reggiana Reggiana
2002-2005 Parma Parma Giovanili
2005-2006 Reggiana Reggiana Giovanili
2007-2009 Sassuolo Sassuolo Giovanili
2009-2010 Reggiana Reggiana Giovanili
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 16 novembre 2011

Lorenzo Mossini (Poviglio, 28 settembre 1958) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Cresce nel vivaio della Reggiana, che lo preleva tredicenne dall'Audax Poviglio[1]; con i granata esordisce nel campionato di Serie C 1976-1977, subentrando nel corso della partita Reggiana-Giulianova[2]. Nella prima stagione totalizza 8 presenze[2], mentre nelle due stagioni successive diventa titolare nel ruolo di centrocampista di fascia destra[2]. Nel 1980 viene acquistato dal Como, che lo lascia per un'ultima stagione a Reggio Emilia cedendo ai granata, come parziale contropartita, Gianfranco Matteoli[2]. Nel campionato di Serie C1 1980-1981 la Reggiana conquista la promozione in Serie B, e Mossini si alterna ad Alfio Filosofi nel ruolo di tornante destro[2], realizzando anche una delle due reti nella partita decisiva contro lo Spezia[3].

Nel 1981 approda al Como, in Serie A. Esordisce nella massima serie il 25 ottobre 1981, in Como-Catanzaro 1-1, e colleziona in tutto 21 presenze con 2 reti, di cui una messa a segno nella vittoria interna sul Milan. A fine stagione i lariani retrocedono in Serie B e Mossini rientra alla Reggiana, dove vive una seconda retrocessione, questa volta in Serie C1[2]. Si trasferisce quindi al Brescia[2], in Serie C1, ottenendo la promozione nella serie cadetta al termine del campionato Serie C1 1984-1985 e rimanendovi per tre stagioni.

Nel 1986 viene acquistato dal Messina, sempre in Serie B. Vi milita per un triennio, collezionando 109 presenze e 6 reti in campionato[4] e contribuendo a tre salvezze consecutive dei peloritani. Nell'autunno del 1989 viene ingaggiato dal Piacenza, in Serie C1[5]: vi rimane per una sola stagione, terminata in una posizione di centroclassifica, prima di concludere la carriera professionistica nella Torres[1], con cui retrocede in Serie C2. Chiude la carriera tra i dilettanti, nella Virtus Roteglia[1].

Allenatoremodifica | modifica sorgente

Dopo il ritiro guida lo Scandiano, formazione dilettantistica reggiana[6][7][8]. Entrato nel settore giovanile della Reggiana[9], nella stagione 2001-2002 subentra insieme ad Angelo Gregucci a Salvatore Vullo sulla panchina dei granata per le ultime sei giornate, conquistando la salvezza ai playout[1].

Lasciata Reggio, allena le giovanili del Parma tra il 2002 e il 2005[1][10], prima di far ritorno alla Reggiana[2], dove rimane fino al 2010 con l'intermezzo di una parentesi nel Sassuolo[11].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d e Ora è tecnico del Parma, La Gazzetta di Reggio, 11 agosto 2003, pag.21
  2. ^ a b c d e f g h Profilo su Lastoriadellareggiana.it
  3. ^ «Dedico il gol a un tifoso che non c’è più», La Gazzetta di Reggio, 28 maggio 2007, pag.24
  4. ^ Statistiche su Messinastory.it Web.tiscali.it
  5. ^ Rosa 1989-1990 Storiapiacenza1919.it
  6. ^ Annuario degli allenatori di calcio, Fondazione Museo del Calcio, febbraio 1998, pag.264
  7. ^ Scandiano esonera Mossini, La Gazzetta di Reggio, 5 febbraio 1998
  8. ^ La Scandianese si affida al duo Mossini-Boretti, La Gazzetta di Reggio, 17 agosto 1998
  9. ^ La Reggiana riabbraccia Mossini e Rabitti, La Gazzetta di Reggio, 8 giugno 2004, pag.32
  10. ^ Si va a caccia di nuovi talenti, La Gazzetta di Reggio, 20 settembre 2005, pag.30
  11. ^ Gli allenatori Mossini e Nicolini tornano nello staff granata, La Gazzetta di Reggio, 18 luglio 2009, pag.31

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License