Lorenzo Trincheri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'atleta specialista degli ultratrail, vedi Lorenzo Trincheri (atleta).

Lorenzo Gioacchino Trincheri (Pieve di Teco, 4 maggio 1768Parigi, 19 novembre 1846) è stato un critico letterario, filosofo e saggista italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nacque a Pieve di Teco, un poco noto paese dell'entroterra ligure da una famiglia benestante che aveva in possesso alcuni ettari di terreno.

Fu critico letterario, filosofo e saggista appassionato agli autori romantici.senza fonte Fu riconosciuto e si affermò all'interno della cerchia dei letterati del suo tempo grazie alla brillante difesa in favore di Alessandro Manzoni, quando quest'ultimo pubblicò nel 1819 la sua prima tragedia - Il Conte di Carmagnola. Fu con il sostegno del suo maestro e amico Goethe, famoso filosofo e scrittore romantico, che egli riuscì a far valere la proprio opinione positiva nei confronti dell'autore dei Promessi sposi. Poche altre notizie biografiche si conoscono a proposito della sua vita che a causa di un incidente, in cui ferì a morte un suo amico, un certo Andrea, crollò in una situazione estremamente travagliata.

Negli ultimi anni della sua vita si trasferì a Parigi, svolgendo incarichi di traduzione per pochi soldinon chiaro, per poi morire in tristezza e solitudine nel novembre del 1846.senza fonte








Creative Commons License