Luciano Ramella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luciano Ramella
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Carriera
Giovanili
Juventus Juventus
Squadre di club1
1934-1936 Juventus Juventus 2 (0)
1936-1938 Pro Vercelli Pro Vercelli 57 (4)
1938-1944 Lazio Lazio 139 (5)
1944-1946 Como Como 42 (0)
1946-1948 Lazio Lazio 1 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Luciano Ramella (Pollone, 10 aprile 19141990) è stato un calciatore e dirigente sportivo italiano.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Dopo la trafila con le giovanili della Juventus, fa il suo esordio in Serie A il 23 dicembre 1934 nell'incontro Juventus-Alessandria (4-1). Dopo due anni con la prima squadra bianconera con due sole presenze totali, compresa quella di esordio, passa in Serie B alla Pro Vercelli dove per due campionati è titolare. Nella stagione 1938-1939 si trasferisce alla Lazio dove rimane (a parte due stagioni nel Como, nelle cui file vince il Torneo Lombardo) fino al termine del campionato 1947-1948. Il suo curriculum con la maglia biancoceleste è di 154 presenze complessive (132 di campionato, 14 di Coppa Italia e 8 di Campionato romano di guerra) e di 5 reti (2, 0, 3).

Fu l'ultimo centromediano della Lazio dell'anteguerra (nel dopoguerra collezionerà solo una presenza). Per cinque campionati di Serie A fu titolare della maglia numero 5 della Lazio.

Il 15 gennaio 1939 fu uno degli undici protagonisti che riuscirono nell'impresa di espugnare per la prima volta nella storia il campo di Testaccio nel derby Roma-Lazio (0-2).

Una formazione della Lazio del 1939-40, Luciano Ramella è in piedi, terzo da sinistra.


Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Juventus: 1934-1935
Lazio: 1943-1944

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

  • Dario Marchetti (a cura di), Luciano Ramella in Enciclopediadelcalcio.it, 2011.







Creative Commons License