Lucien-Louis-Joseph-Napoléon Bonaparte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucien-Louis-Joseph-Napoléon Bonaparte
cardinale di Santa Romana Chiesa
Cardinal Lucien Bonaparte.jpg
Blason Joseph Fesch.svg
Incarichi ricoperti Cardinale presbitero di Santa Pudenziana
Camerlengo del Collegio Cardinalizio
Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina
Nato 15 novembre 1828, Roma
Ordinato presbitero 13 dicembre 1857 da papa Pio IX
Creato cardinale 13 marzo 1868 da papa Pio IX
Deceduto 19 novembre 1895

Lucien-Louis-Joseph-Napoléon Bonaparte, italianizzato in Luciano Luigi Giuseppe Napoleone Bonaparte, principe di Canino e di Musignano (Roma, 15 novembre 1828Roma, 19 novembre 1895), nipote in linea diretta per parte di padre, di Luciano Bonaparte, fratello di Napoleone Bonaparte, fu un cardinale della Chiesa cattolica.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Infanziamodifica | modifica sorgente

Lucien-Louis-Joseph-Napoléon Bonaparte nacque il 15 novembre 1828, nella città di Roma, allora facente parte dello Stato Pontificio. Era figlio di Carlo Luciano Bonaparte e della di lui cugina principessa Zénaïde Laetitia Julie Bonaparte. Sua madre era figlia di Giuseppe Bonaparte, ex Re di Napoli e di Spagna, e fratello maggiore di Napoleone Bonaparte. Venne battezzato dal suo prozio, il cardinale Joseph Fesch. Il suo padrino fu suo cugino Louis-Napoléon Bonaparte, futuro imperatore Napoleone III.

Fin da piccolo mostrò di essere una persona buona e gentile, e soprattutto sviluppò una forte vocazione spirituale. Per ciò, dopo aver compiuto gli studi primari, cominciò gli studi ecclesiastici di teologia nel marzo 1854. Decidendo la via del sacerdozio, rinunziò al suo titolo di principe di Canino e Musignano.

Ordinazione sacerdotalemodifica | modifica sorgente

Venne ordinato presbitero il 13 dicembre 1857 a Roma, da Papa Pio IX. Gli venne affidato l'incarico di vicario parrocchiale della Basilica di Santa Maria in Via Lata a Roma. Pur risiedendo a Roma, era comune che andasse in visita a Parigi, dove Napoleone III trasferì la sua famiglia. Pur essendo umile e profondamente religioso, volle affrontare la vita con carità e senza cercare onori ed alti uffici, ma la sua nobile origine gli fu di ostacolo: Napoleone III lo nominò elemosiniere della corte imperiale, e Papa Pio IX ciambellano segreto. Come cugino dell'imperatore non poté rifiutarsi di accettare tale dignità.

Cardinalemodifica | modifica sorgente

Nel 1867, le truppe francesi salvarono (per l'ultima volta) l'esistenza dello Stato Pontificio contro gli attacchi della Monarchia Sabauda. Napoleone III, in cambio dell'aiuto prestato, chiese la nomina cardinalizia dell' arcivescovo di Parigi Georges Darboy, ma il Papa Pio IX era contrario a causa delle sue opinioni sul dogma dell'infallibilità papale. Per sbloccare la situazione, il Papa decise di concedere la berretta all'umile parroco Bonaparte, che non era nemmeno insignito della dignità episcopale, appena quarantenne.

Venne creato cardinale nel concistoro del 13 marzo 1868 da Papa Pio IX, ricevendo la berretta rossa ed il titolo presbiterale di Santa Pudenziana il 16 marzo 1868. Partecipò al Concilio Vaticano I, che si svolse dal 1869 al 1870. Venne nominato camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali il 28 gennaio 1876, e mantenne la carica fino al 12 marzo 1877. Partecipò anche al conclave del 1878 che elesse al soglio pontificio Papa Leone XIII. Decise di optare per il titolo presbiterale di San Lorenzo in Lucina il 19 settembre 1879.

Mortemodifica | modifica sorgente

Il cardinale morì il 19 novembre 1895 alle 12:20, per un'inaspettata sincope, a Roma, all'età di 67 anni. La sua salma venne esposta nella sua chiesa titolare, dove si svolse anche il suo funerale, e sepolta nella tomba della famiglia Primoli nel Cimitero di Campo Verano a Roma.

Discendenza da Carlo Maria Bonaparte e Maria Letizia Ramolinomodifica | modifica sorgente

Carlo Maria Buonaparte (17461785) sposa Maria Letizia Ramolino (17501836)

       └──>Giuseppe Bonaparte (17681844)
       └──>Napoleone Bonaparte (17691821), 1º Imperatore dei Francesi
       └──>Elisa Bonaparte (17771820)
       └──>Luigi Bonaparte (17781846)
       └──>Paolina Bonaparte (17801825)
       └──>Carolina Bonaparte (17821839)
       └──>Girolamo Bonaparte (17841860)
       └──>Luciano Bonaparte (17751840)
           └──>4 figli dalla prima sposa, Cristina Boyer (17711800): due figli maschi
           │    │morti prima della maggiore età, successivamente:
           │    └──>Filistina Carlotta (Saint Maximin, 1795 - Roma, 1865)
           │    └──>Cristina Egypta (Parigi, 1798 - Roma, 1847)
           │
           └──>10 figli dalla seconda sposa, Alexandrine de Bleschamp (17781855):
               └──>Pietro Napoleone Bonaparte (18151881)
               └──>Luigi Luciano Bonaparte (1813 – 1891),
               └──>Letizia Cristina (1804 – 1871)
               └──>Giuseppe Luciano (1806 – 1807)
               └──>Giovanna  (1807 – 1829)
               └──>Paolo Maria (1808 – 1827)
               └──>Antonio Luciano (1816 – 1877)
               └──>Alessandrina Maria (1818 – 1874)
               └──>Costanza (1823 – 1876)
               └──>Carlo Luciano Bonaparte (18031857), sposò la cugina
                │  │Zenaide Letizia Bonaparte(18011854)
                │  └──>Giuseppe-Luciano Bonaparte (18241865)
                │  └──>Luciano-Luigi-Giuseppe Bonaparte (18281895) divenuto cardinale nel 1868
                │  └──>Giulia Bonaparte (18301900)
                │  └──>Carlotta Bonaparte (18321901)
                │  └──>Maria Bonaparte (18351890)
                │  └──>Augusto Bonaparte (18361900)
                │  └──>Napoleone-Carlo Bonaparte (18391899)
                │  └──>Bathilde Bonaparte (18401861)
                └──>sposò in seconde nozze Donna Maria di Testaferrata, dalla quale non ebbe figli

Albero genealogicomodifica | modifica sorgente

Luciano Luigi Bonaparte Padre:
Carlo Luciano Bonaparte
Nonno paterno:
Luciano Bonaparte
Bisnonno paterno:
Carlo Maria Buonaparte
Trisnonno paterno:
Giuseppe Maria Buonaparte
Trisnonna paterna:
Maria Saveria Paravicini
Bisnonna paterna:
Maria Letizia Ramolino
Trisnonno paterno:
Giovanni Geronimo Ramolino
Trisnonna paterna:
Angela Maria Pietrasanta
Nonna paterna:
Alexandrine de Bleschamp
Bisnonno paterno:
Charles Jacob de Bleschamp
Trisnonno paterno:
Nicolas Jacob
Trisnonna paterna:
Marguerite Dehorgue
Bisnonna paterna:
Philiberte Bouvet
Trisnonno paterno:
Jean-Charles Bouvet
Trisnonna paterna:
Marie Gasparde Grimod de Verneuil
Madre:
Zénaïde Bonaparte
Nonno materno:
Giuseppe Bonaparte
Bisnonno materno:
Carlo Maria Buonaparte
Trisnonno materno:
Giuseppe Maria Buonaparte
Trisnonna materna:
Maria Saveria Paravicini
Bisnonna materna:
Maria Letizia Ramolino
Trisnonno materno:
Giovanni Geronimo Ramolino
Trisnonna materna:
Angela Maria Pietrasanta
Nonna materna:
Giulia Clary
Bisnonno materno:
François Clary
Trisnonno materno:
Joseph Clary
Trisnonna materna:
Françoise Agnès Ammoric
Bisnonna materna:
Françoise Rose Somis
Trisnonno materno:
Joseph Ignace Somis
Trisnonna materna:
Catherine Rose Soucheiron

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Successionimodifica | modifica sorgente

Predecessore Cardinale presbitero di Santa Pudenziana Successore CardinalnobishopCOAPioM.svg
Nicholas Patrick Stephen Wiseman 16 marzo 1868 - 19 settembre 1879 Domenico Sanguigni
Predecessore Camerlengo del Sacro Collegio Successore CardinalnobishopCOAPioM.svg
Jean-Baptiste-François Pitra 28 gennaio 1876 - 12 marzo 1877 Innocenzo Ferrieri
Predecessore Cardinale presbitero di San Lorenzo in Lucina Successore CardinalnobishopCOAPioM.svg
Domenico Carafa della Spina di Traetto 19 settembre 1879 - 19 novembre 1895 Gustav Adolf von Hohenlohe-Schillingsfürst

Controllo di autorità VIAF: 89649311








Creative Commons License