Lucrezia Piaggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Lucrezia Piaggio (Roma, 6 agosto 1986) è un'attrice italiana.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Originaria di Civitavecchia. Inizia a lavorare come modella e come testimonial pubblicitaria. Nel 2001 realizza il suo primo servizio fotografico per il mensile francese Girls!; nel 2002 è sulle copertine di vari giornali giovanili. Sempre nel 2002 esordisce come attrice, con il ruolo di Lorella Ombroni, nel film Natale sul Nilo, regia di Neri Parenti figlia del generale Enrico Ombroni (Massimo Boldi). Nel 2003 appare per la prima volta in televisione nella serie tv Incantesimo 6, a cui seguono le partecipazioni a varie altre fiction tv, sia trasmesse dalla Rai che da Mediaset, tra cui le serie Gente di mare (2005), regia di Vittorio De Sisti e Alfredo Peyretti e I Cesaroni (2006), regia di Francesco Vicario, e le miniserie Ricomincio da me (2005), Provaci ancora prof (2005) e Provaci ancora prof 2 (2007), tutte dirette da Rossella Izzo.

Nel 2007 ritorna a lavorare per il cinema come protagonista, insieme a Flavio Montrucchio, del film Il soffio dell'anima, sceneggiatura e regia di Vittorio Rambaldi. Il film, tratto dal romanzo omonimo di Valentina Lippi Bruni, è stato presentato in anteprima al Festival di Venezia

[1] ed è uscito nelle sale nel marzo del 2009. Sempre nello stesso anno partecipa al film Matrimonio alle Bahamas, regia di Claudio Risi.

Nel 2010 è protagonista, nel ruolo di Flavia, dell'opera prima di Giovanni Galletta, Dopo quella notte. Nello stesso anno è nuovamente sul grande schermo con il film A Natale mi sposo, regia di Paolo Costella.

Nel 2013 prova per una rivista di abiti da sposa.

Nel 2013 si trasferisce a Malta con il suo fidanzato.

Filmografiamodifica | modifica sorgente

Cinemamodifica | modifica sorgente

Televisionemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Il soffio dell'anima in anteprima al Festival di Venezia. URL consultato il 07-05-2010.
  2. ^ Guardando le stelle. URL consultato il 07-05-2010.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License