Luigi De Agostini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luigi De Agostini
De Agostini.jpg
De Agostini con la maglia dell'Italia nel 1990
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 174[1] cm
Peso 70[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Ritirato 1995
Carriera
Giovanili
Udinese Udinese
Squadre di club1
1978-1981 Udinese Udinese 7 (0)
1981-1982 Trento Trento 28 (3)
1982-1983 Catanzaro Catanzaro 24 (4)
1983-1986 Udinese Udinese 80 (3)
1986-1987 Verona Verona 30 (3)
1987-1992 Juventus Juventus 146 (20)
1992-1993 Inter Inter 31 (1)
1993-1995 Reggiana Reggiana 61 (2)
Nazionale
1987-1991 Italia Italia 36 (4)
Palmarès
W.Cup.svg  Mondiali di calcio
Bronzo Italia 1990
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Luigi De Agostini (Udine, 7 aprile 1961) è un ex calciatore italiano, di ruolo terzino.

Suo figlio Michele gioca nel Prato.[2][3]

Carrieramodifica | modifica sorgente

De Agostini alla Juventus nel corso della stagione 1987-1988

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Debutta in Serie A con l'Udinese il 23 marzo 1980 in Udinese-Napoli (0-0). In seguito passa al Catanzaro, poi al Verona e nel 1987 alla Juventus per 5,5 miliardi di lire,[4] dove rimane fino al 1992. Si trasferisce quindi all'Inter per 2 miliardi di lire[5] e nel 1993 alla Reggiana, dove rimane per due stagioni.

In Fiorentina-Juventus della Serie A 1990-1991 fu De Agostini a battere il famoso calcio di rigore che Roberto Baggio si rifiutò di calciare, sbagliandolo.[6]

In massima divisione conta 378 partite e 33 gol. Ha vinto una Coppa UEFA e una Coppa Italia con la Juventus nella stagione 1989-1990.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Con la Nazionale italiana partecipa al campionato d'Europa 1988, dov'è autore di un gol contro la Danimarca sebbene non parta titolare, e al Mondiale 1990. In azzurro colleziona 36 presenze e 4 gol. È stato spesso impiegato dall'allora commissario tecnico Vicini come esterno di centrocampo.

Dirigentemodifica | modifica sorgente

Nel 2007, è stato assunto come team manager dell'Udinese,[7] lasciando poi l'incarico dopo sei mesi.[8] Nel 2009, comincia a dedicarsi all'organizzazione di camp e scuole calcio per ragazzi, diventando il responsabile tecnico per i Camp del Real Madrid organizzati in Italia.[9]

Statistichemodifica | modifica sorgente

Cronologia presenze e reti in nazionalemodifica | modifica sorgente

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Competizioni nazionalimodifica | modifica sorgente

Juventus: 1989-1990
Udinese: 1978-1979

Competizioni internazionalimodifica | modifica sorgente

Juventus: 1989-1990
Udinese: 1979-1980

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma. 30 settembre 1991. Di iniziativa del Presidente della Repubblica.[10]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 39.
  2. ^ Scheda anagrafica di Michele De Agostini
  3. ^ Pro Patria scatenata: tre acquisti e tre conferme
  4. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 10.
  5. ^ Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 9 (1992-1993), Panini, 2 luglio 2012, p. 10.
  6. ^ Quell'antica ruggine tra Juve e Fiorentina
  7. ^ Udinese: De Agostini è il nuovo team manager
  8. ^ Team manager De Agostini lascia
  9. ^ De Agostini: "Udinese? È ora di vincere qualcosa"
  10. ^ Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana Sig. Luigi De Agostini. URL consultato il 5 aprile 2011.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License