Luis Enrique

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luis Enrique
Luis Enrique 12.jpg
Dati biografici
Nome Luis Enrique Martínez García
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 180 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Celta Vigo Celta Vigo
Carriera
Giovanili
1988-1990 Sporting Gijon Sporting Gijón
Squadre di club1
1989-1991 Sporting Gijon Sporting Gijón 36 (15)
1991-1996 Real Madrid Real Madrid 157 (14)
1996-2004 Barcellona Barcellona 207 (74)
Nazionale
1990-1991
1991-2002
Spagna Spagna U-21
Spagna Spagna
5 (0)
62 (12)
Carriera da allenatore
2008-2011 Barcellona B Barcellona B[1]
2011-2012 Roma Roma
2013- Celta Vigo Celta Vigo
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Oro Barcellona 1992
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 4 giugno 2012

Luis Enrique Martínez García noto semplicemente come Luis Enrique (Gijón, 8 maggio 1970) è un allenatore di calcio ed ex calciatore spagnolo, attuale tecnico del Celta Vigo.

È uno dei tre calciatori spagnoli inseriti da Pelé nel FIFA 100.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

L'esordio allo Sporting Gijón e Real Madridmodifica | modifica sorgente

Comincia a giocare all'età di undici anni nelle giovanili dello Sporting Gijón. In questa squadra debutta il 24 settembre 1989 in prima divisione nella partita Sporting Gijón-Malaga (0-1). Nella stagione seguente contribuisce alla qualificazione della squadra alla Coppa UEFA segnando 14 gol: alla fine della stagione il Real Madrid lo acquista per 250 milioni di pesetas[2], circa 3 miliardi di lire[3]. Nella prima stagione nel Real Madrid viene cambiato di ruolo: a Gijón giocava attaccante, a Madrid l'allenatore lo utilizza come ala sinistra o interno destro.senza fonte

Il passaggio al Barcellonamodifica | modifica sorgente

Rimane al Real Madrid fino al 1996, quando Lorenzo Sanz decide di non rinnovargli il contratto, consentendo all'asturiano di firmare per il Barcellona. Nella prima stagione al Barça segna 17 gol; anche nella stagione successiva, agli ordini dell'olandese Louis van Gaal, si dimostra centrocampista con grande senso del gol: 18 nella Liga, 25 complessivi nella stagione. A Barcellona diviene capitano della squadra e conquista coppe e campionati. Il 16 maggio del 2004 gioca la sua ultima partita da professionista contro il Racing Santander: al termine della stagione, infatti, decide di ritirarsi dal mondo del calcio professionistico.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

In Nazionale conta 66 presenze per un totale di 12 reti tra il 1991 e il 2002. Durante i Mondiali 1994, verso i minuti finali di Italia-Spagna, con gli azzurri in vantaggio 2-1, ricevette in piena area di rigore una gomitata al volto da Mauro Tassotti, non vista dall'arbitro; Tassotti, grazie alla prova televisiva, venne squalificato per otto giornate.[4]

Allenatoremodifica | modifica sorgente

Barcellona Bmodifica | modifica sorgente

Il 18 giugno 2008 ha assunto ufficialmente la carica di allenatore del Futbol Club Barcelona Atlètic (poi ridenominato Barcellona B), squadra delle riserve del Barcellona, prendendo il posto di Josep Guardiola, suo ex compagno di squadra, passato a dirigere la prima squadra. La squadra, militante nella Segunda División B, al primo anno si piazza al quinto posto e al secondo anno al secondo posto valido per la promozione in Segunda División. Alla sua terza stagione sulla panchina della squadra B ottiene uno storico terzo posto (miglior piazzamento di sempre per il club) valido per la partecipazione ai play-off, a cui non prenderà parte non potendo la squadra militare nella stessa serie del Barcellona. Il 31 maggio 2011, durante un'intervista rilasciata alla TV ufficiale del club[5], annuncia che a fine stagione avrebbe lasciato l'incarico di allenatore del Barcellona B ritenendo ormai chiuso il suo ciclo.

Romamodifica | modifica sorgente

Il 20 giugno 2011 diventa ufficialmente l'allenatore della squadra italiana della Roma, firmando un contratto di due anni da 2,9 milioni di euro lordi per la stagione 2011-2012, mentre 3,1 milioni di euro per la stagione 2012-2013. Nell'avventura italiana lo seguono Iván de la Peña come assistente (che lascerà l'incarico il 12 agosto 2011[6]), Robert Moreno come allenatore in seconda, Antonio Llorente come mental coach e Rafael Cabanellas come preparatore atletico[7]. Fa il suo esordio ufficiale sulla panchina della Roma, il 18 agosto 2011, nella partita d'andata valida per il terzo turno di Europa League contro lo Slovan Bratislava, gara persa per 1 a 0.[8] Nella gara di ritorno, la Roma pareggia uno a uno, sancendo l'uscita anticipata dalle competizioni europee.[9]. In campionato l'avventura con la Roma non è fortunata, i risultati non decollano e il tecnico non riesce a qualificarsi per una coppa europea, cosa che non accadeva dal 1997 per la squadra della Capitale. Il 10 maggio 2012, al termine di una seduta di allenamento, annuncia alla squadra che lascerà la panchina della Roma subito dopo l'ultima giornata di campionato.[10][11] Viene rimpiazzato dal boemo Zdeněk Zeman.

Celta Vigomodifica | modifica sorgente

L'8 giugno 2013, firma un contratto biennale con il club spagnolo Celta Vigo ritornando quindi in Spagna. Ad annunciarlo è la stessa società spagnola attraverso il suo account ufficiale di Twitter[12].

Statistichemodifica | modifica sorgente

Presenze e reti nei clubmodifica | modifica sorgente

Squadra Stagione Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Pres Reti Pres Reti Pres Reti Pres Reti Pres Reti
Spagna Sporting Gijón 1989–90 1 0 0 0 - - - - 1 0
1990–91 35 14 9 3 - - - - 44 17
Totale Sporting Gijón 36 14 9 3 45 17
Spagna Real Madrid 1991–92 29 4 6 1 6 0 - - 41 5
1992–93 34 2 6 0 8 1 - - 48 3
1993–94 28 2 4 1 6 0 2 0 40 3
1994–95 35 4 2 0 6 0 - - 43 4
1995–96 31 3 0 0 8 0 2 0 41 3
Totale Real Madrid 157 15 18 2 34 1 4 0 213 18
Spagna Barcelona 1996–97 35 17 7 1 7 0 2 0 51 18
1997–98 34 18 6 3 6 4 1 0 47 25
1998–99 26 11 3 0 3 1 2 0 34 12
1999–00 19 3 5 3 7 6 2 0 33 12
2000–01 28 9 4 1 9 6 - - 41 16
2001–02 23 5 0 0 15 6 - - 38 11
2002–03 18 8 0 0 8 2 - - 26 10
2003–04 24 3 1 0 5 2 - - 30 5
Total Barcellona 207 73 26 8 60 27 7 0 300 109
Totale carriera 400 102 53 13 94 28 11 0 558 144

Cronologia presenze e reti in Nazionalemodifica | modifica sorgente

Allenatoremodifica | modifica sorgente

Statistiche aggiornate al 13 maggio 2012.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P
2008-2009 Spagna Barcellona B SDB 38 15 15 8 38 15 15 8
2009-2010 SDB 38 22 10 6 38 22 10 6
2010-2011 SD 42 20 11 11 42 20 11 11
Totale Barcellona B 118 57 36 25 118 57 36 25
2011-2012 Italia Roma A 38 16 8 14 CI 2 1 0 1 UEL[13] 2 0 1 1 - - - - - 42 17 9 16
Totale carriera 156 73 44 39 2 1 0 1 2 0 1 1 - - - - 159 74 45 41

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Giocatoremodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Competizioni nazionalimodifica | modifica sorgente

Real Madrid: 1992-1993
Barcellona: 1996-1997, 1997-1998
Real Madrid: 1993
Barcellona: 1996
Real Madrid: 1994-1995
Barcellona: 1997-1998, 1998-1999

Competizioni internazionalimodifica | modifica sorgente

Barcellona: 1996-1997
Barcellona: 1997

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Barcellona 1992

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dal 2008 al 2010 "Barcellona Atlètic".
  2. ^ (ES) Nando compra su carta de libertad para poder fichar por el Madrid in El Pais, 9 luglio 1992. URL consultato il 27 novembre 2011.
  3. ^ (PDFTassi di cambio dell’ECU (1989-1998) (Template:PDFlink). URL consultato il 27 novembre 2011.
  4. ^ Luis, do you remember? in gqitalia.it, 7 giugno 2011. URL consultato il 27 novembre 2011.
  5. ^ (EN) If it were possible we could be promoted, fcbarcelona.com. URL consultato il 5 giugno 2011.
  6. ^ Roma, De La Peña si scusa: "Devo tornare a Barcellona", sky.it. URL consultato il 29 agosto 2011.
  7. ^ Conduzione tecnica affidata al signor Luis Enrique, asroma.it. URL consultato il 21 giugno 2011.
  8. ^ La Roma resta a secco,lo Slovan la beffa. URL consultato il 24 agosto 2011.
  9. ^ Roma-Slovan, troppi errori sotto porta e un clamoroso pasticcio difensivo, ilmessaggero.it, 26 agosto 2011. URL consultato il 30 agosto 2011.
  10. ^ Luis Enrique: "È stato un onore allenare la Roma", asroma.it, 12 maggio 2012.
  11. ^ Roma, Luis Enrique: «Lascio». L'addio a Trigoria, Baldini su Montella, ilmessaggero.it, 10 maggio 2012.
  12. ^ Ufficiale: Luis Enrique nuovo tecnico del Celta Vigo
  13. ^ Play-off

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

  • (EN) Luis Enrique in national-football-teams.com, National Football Teams.
  • (DEENIT) Luis Enrique in Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.







Creative Commons License