Macaulay Culkin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Macaulay Carson Culkin (New York, 26 agosto 1980) è un attore statunitense.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nasce a New York, terzo figlio dell'attore Kit Culkin e della compagna Patricia Brentrup. Ha sei fratelli: Shane (1976), Dakota (1978 - 2008), Kieran (1982), Quinn (1984), Christian (1987) e Rory (1989). È nipote da parte di padre dell'attrice Bonnie Bedelia.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Dopo l'esordio pubblicitario e alcuni film (tra cui Io e zio Buck nel 1989), "Mac" diviene il piccolo attore più ricco e famoso di Hollywood nel 1990, con il film Mamma, ho perso l'aereo.

Nel 1991 appare nel videoclip di Michael Jackson, Black or White. Tra Macaulay e il Re del Pop era sorta infatti un'amicizia dopo l'uscita di Mamma, ho perso l'aereo, basata, come racconta Culkin, su ciò che entrambi avevano in comune: l'infanzia rubata e il rifiuto di crescere. Culkin ha trascorso parecchio tempo a Neverland, la residenza di Jackson, e durante il processo del 2004 in cui Jackson venne accusato di pedofilia, e poi scagionato, si è presentato per testimoniare a suo favore. Sarà successivamente presente in Dangerous: The Short Films, del 1993, Video Greatest Hits - HIStory, del 2001, in Number Ones DVD, del 2003 e Visionary: The Video Singles (Box Set), del 2006[1].

Nel 1991 interpreta il film Papà, ho trovato un amico.

Macaulay Culkin ai Premi Emmy 1991

Nel 1993 Macaulay compare come protagonista nel thriller di Joseph Ruben, L'innocenza del Diavolo assieme ad Elijah Wood e dà prova del suo straordinario talento nel recitare, anche senza vestire i panni del ragazzino-terremoto Kevin McCallister (il protagonista di Mamma, ho perso l'aereo e del sequel, Mamma, ho riperso l'aereo) che lo aveva reso celebre.

Il 1994 è, a detta di molti, l'anno del declino dell'attore appena quattordicenne. Macaulay gira infatti due film di scarso successo (Richie Rich - Il più ricco del mondo e Pagemaster - L'avventura meravigliosa). Come se non bastasse, il padre di Macaulay sperpera tutto il patrimonio guadagnato dal ragazzo, e comincia la battaglia legale tra i suoi genitori, non sposati, per aggiudicarsi la custodia del piccolo attore, vinta dalla madre nel 1995. Sembra però che Macaulay non sia riuscito a superare la situazione. Decide così di ritirarsi dalle scene.

Nel 1998 ha partecipato al video dei Sonic Youth, Sunday come personaggio "effeminato"[2]. Mentre nel 2000 ha debuttato a teatro nello spettacolo Madame Melville[1].

Ritorna sulla scene internazionale nel 2003, dopo quasi dieci anni di assenza recitando nel film Party Monster e con Saved!, sembra che la sua carriera decolli di nuovo, finché alcuni mesi dopo viene fermato per eccesso di velocità, e successivamente arrestato per possesso di marijuana (l'attore si è dichiarato innocente) e rilasciato successivamente dietro cauzione di 4.000$[3].

Nell'estate del 2006 Macaulay annuncia al magazine Variety che prenderà parte al film Sex & Breakfast[4], una commedia di Miles Brandman in cui ad una coppia con problemi di carattere sessuale viene consigliato il sesso di gruppo come terapia.

Nel 2009 è apparso nel backstage dell'edizione di Monday Night RAW del 17 agosto, durante uno streetfight match tra Chavo Guerrero e Hornswoggle, aiutando quest'ultimo a vincere la contesa[5].

Il 10 marzo 2010 sale sul palco del Kodak Theatre di Los Angeles, alla cerimonia dei Premi Oscar 2010, assieme agli attori Matthew Broderick, Jon Cryer, Anthony Michael Hall, Judd Nelson, Molly Ringwald e Ally Sheedy per un John Hughes Tribute al regista John Hughes, scomparso da poco[6].

Il 26 agosto 2010 in occasione del suo 30º compleanno, alcuni siti internet riportano la notizia di un suo imminente ritorno alle scene nel film d'azione Service Man, in programma nel 2013.[7]

Nel 2014, dopo che più volte si è temuto per la salute dell'attore, arriva sul palco come cantante[8].

Vita privatamodifica | modifica sorgente

Nel 1998, all'età di 18 anni, sposa la coetanea Rachel Miner. Il matrimonio finisce con un divorzio nel 2002[1]. Dal 2002 al 2011 è stato fidanzato con l'attrice Mila Kunis[9][10].

Nel dicembre 2008 sua sorella Dakota ha tragicamente perso la vita per le strade di Los Angeles, dove, ubriaca, è stata investita da una macchina[11].

Nel 2013, Culkin ha deciso di condividere un appartamento a Parigi con il cantante e musicista Pete Doherty[12].

Dal novembre 2013 ha una relazione con l'attrice Jordan Lane Price[13].

Premimodifica | modifica sorgente

Filmografiamodifica | modifica sorgente

Cinemamodifica | modifica sorgente

Televisionemodifica | modifica sorgente

Doppiatoremodifica | modifica sorgente

Doppiatori italianimodifica | modifica sorgente

  • Simone Crisari in Io e zio Buck, Allucinazione perversa, L'innocenza del diavolo, Pagemaster - L'avventura meravigliosa, Papà, ho trovato un amico, Richie Rich - Il più ricco del mondo, Frasier
  • Ilaria Stagni in Mamma, ho perso l'aereo, Mamma, ho riperso l'aereo - Mi sono smarrito a New York
  • Stefano Crescentini in Saved!
  • Paolo Vivio in Will & Grace
  • Davide Perino in Kings

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c (EN) Macaulay Culkin biography
  2. ^ (EN) ‘Sunday’ Circularity: Sonic Youth. Harmony Korine. Macaulay Culkin?
  3. ^ (EN) Articolo di USA Today del 17 settembre 2004 Actor Macaulay Culkin arrested for drug possession
  4. ^ (EN) Macaulay Culkin Has Sex & Breakfast
  5. ^ (EN) WWE Raw Is Home Alone - Macaulay Culkin Appearance
  6. ^ Video su YouTube: John Hughes Tribute at the Oscars
  7. ^ 26/8/2010 Macaulay Culkin compie 30 anni
  8. ^ Corriere della Sera. URL consultato il 10 febbraio 2014.
  9. ^ (EN) Jessica Derschowitz, Mila Kunis and Macaulay Culkin Split, CBS News, 3 gennaio 2011. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  10. ^ (EN) Roger Friedman, Macaulay Culkin's Happy 'Ending', Fox News, 20 agosto 2002. URL consultato il 21 febbraio 2010.
  11. ^ (EN) Macaulay's Sister Dies
  12. ^ L'(ex) bambino di «Mamma ho perso l'aereo» va a vivere con Pete Doherty in Corriere della Sera, 10 maggio 2013. URL consultato il 9 luglio 2013.
  13. ^ http://www.people.com/people/article/0,,20761234,00.html
  14. ^ Awards for Macaulay Culkin

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 85441746 LCCN: n93024415








Creative Commons License