Maffio Venier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maffio Venier, a volte italianizzato in Maffeo Veniero (Venezia, 6 giugno 1550Roma, 1586), è stato un arcivescovo e poeta italiano. Membro della famiglia patrizia dei Venier, era figlio e nipote di due letterati, rispettivamente Lorenzo Venier e Domenico Venier (1517-1582). Fece vita da cortigiano, spostandosi frequentemente tra le varie corti italiane, trattenendosi in particolare presso Francesco I de' Medici e Papa Sisto V.

Fu autore di numerose poesie erotiche in lingua veneziana, seguendo l'esempio di Pietro Aretino (che visse a Venezia dal 1527 alla morte nel 1556) e dell'attore e poeta in lingua veneziana Andrea Calmo. Attaccò duramente coi suoi scritti la poetessa e cortigiana veneziana Veronica Franco.

Nel 1583 ebbe la nomina ad arcivescovo di Corfù, ma probabilmente non vi si recò mai. Morì improvvisamente nel 1586, mentre era in viaggio da Roma a Firenze.

Altri progettimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License