Manuel Neuer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Manuel Neuer
Manuel Neuer, Germany national football team (01).jpg
Manuel Neuer con la divisa della Nazionale tedesca nel 2011
Dati biografici
Nazionalità Germania Germania
Altezza 193 cm
Peso 90 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Squadra Bayern Monaco Bayern Monaco
Carriera
Giovanili
1991-2003 Schalke 04 Schalke 04
Squadre di club1
2003-2008 Schalke 04 II Schalke 04 II 26 (-26)
2005-2011 Schalke 04 Schalke 04 156 (-154)
2011- Bayern Monaco Bayern Monaco 92 (-55)
Nazionale
2004
2004-2005
2005-2006
2006-2009
2009-
Germania Germania U-18
Germania Germania U-19
Germania Germania U-20
Germania Germania U-21
Germania Germania
1 (-2)
11 (-13)
4 (-4)
20 (-11)
45 (-39)
Palmarès
W.Cup.svg  Mondiali di calcio
Bronzo Sudafrica 2010
UEFA European Cup.svg  Europei di calcio
Bronzo Polonia-Ucraina 2012
 Europei di calcio Under-21
Oro Svezia 2009
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 aprile 2014

Manuel Neuer (ˈmaːnu̯ɛl ˈnɔʏ.ɐ; Gelsenkirchen, 27 marzo 1986) è un calciatore tedesco, portiere del Bayern Monaco e della Nazionale tedesca.

È stato eletto dall'IFFHS miglior portiere al mondo nel 2013[1] ed è stato secondo nel 2011[2] e quarto nel 2010[3] e nel 2012.[4]

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Schalke 04modifica | modifica sorgente

Neuer in allenamento con lo Schalke 04 nel 2010

Neuer, approdato allo Schalke 04 nel 1991, ha militato in tutte le rappresentative giovanili della squadra di Gelsenkirchen. È passato in prima squadra nella stagione 2005-2006, debuttando in Bundesliga il 19 agosto 2006 in Alemannia Aachen-Schalke 04 (0-1) e divenendo in seguito titolare, al posto del più anziano Frank Rost.

Ha debuttato in Champions League il 18 settembre 2007 in Schalke 04-Valencia (0-1). Il 5 marzo 2008 è stato protagonista della qualificazione ai quarti di Champions League 2006-2007 della sua squadra contro il Porto, realizzando diverse parate nei 120' e neutralizzando 2 dei 3 tiri di rigore calciati dai padroni di casa, meritandosi così il titolo di migliore in campo.[5]

Nell'agosto 2010, dopo la cessione di Heiko Westermann all'Amburgo, è diventato capitano dello Schalke 04.[6] La stagione 2010-2011, nonostante un saldo negativo in fatto di reti subite (63 reti subite in 53 partite giocate), è stata molto positiva per lui: sebbene lo Schalke 04 si sia classificato al 14º posto in campionato, è arrivato sino alle semifinali di Champions League, dove è stato eliminato dal Manchester United, vincente per 2-0 a Gelsenkirchen (partita in cui Neuer è stato autore, nonostante la sconfitta, di un'ottima prestazione)[7][8] e per 4-1 a Manchester. Inoltre ha vinto il suo secondo trofeo con la maglia dello Schalke 04, la Coppa di Germania, battendo in finale il Duisburg per 5-0.[9]

Bayern Monacomodifica | modifica sorgente

Il 1º giugno 2011 Neuer è stato acquistato dal Bayern Monaco, con cui ha sottoscritto un contratto di 5 anni.[10] Questo trasferimento ha provocato malumore tra alcuni tifosi dello Schalke, che hanno simulato l'impiccagione di un manichino a suo nome con la maglia del Bayern.[11] Al tempo stesso alcuni tifosi del Bayern, che già lo osteggiavano in precedenza, hanno intimato a Neuer il rispetto di una serie di regole fra cui il divieto di cantare l'inno del Bayern, di baciare la maglia e di avvicinarsi alla curva sud dell'Allianz Arena.[12]

Ha esordito con il Bayern il 1º agosto 2011 nella partita valida per il primo turno della Coppa di Germania 2011-2012 vinta per 3-0 in casa dell'Eintracht Braunschweig.[13] Dopo il gol subito nella prima gara della Bundesliga 2011-2012 contro il Borussia Mönchengladbach, Neuer ha mantenuto inviolata la porta dei bavaresi per le successive 12 partite;[14] la sua imbattibilità si è fermata a quota 1.147 minuti, quando, nella gara di Champions League contro il Napoli, il compagno di squadra Badstuber ha realizzato un autogol.[15] In occasione della semifinale di ritorno di Champions League, disputata il 25 aprile 2012 al Bernabéu contro il Real Madrid, Neuer, dopo il 2-1 dei madrileni nei tempi regolamentari e supplementari, ha parato 2 dei 4 tiri di rigore della squadra spagnola (a Cristiano Ronaldo e Kaká, più un altro calciato alto da Sergio Ramos) contribuendo alla qualificazione alla finale della manifestazione.[16] Durante la finale contro il Chelsea, decisa ai tiri di rigore, Neuer ha respinto un rigore a Mata per poi presentarsi poco dopo sul dischetto realizzando il terzo tiro della propria squadra;[17] ciò non è comunque bastato per aggiudicarsi la coppa in quanto la squadra inglese è riuscita a concludere la serie dei rigori con il punteggio di 4-3.[18]

All'inizio della stagione 2012-2013 ha vinto il suo primo trofeo con il Bayern Monaco grazie al successo per 2-1 ottenuto conto il Borussia Dortmund nella Supercoppa di Germania 2012[19] mentre nel finale della stessa ha vinto anche la Bundesliga con 6 turni d'anticipo rispetto alla fine del torneo (un record per il massimo campionato tedesco)[20] e il 25 maggio 2013 la Champions League in seguito al successo per 2-1 ottenuto a Londra dal Bayern Monaco ancora sulla squadra di Dortmund.[21] Una settimana più tardi ha concluso l'annata conquistando il quarto trofeo stagionale, la Coppa di Germania 2012-2013, ottenuta grazie al successo nella finale di Berlino per 3-2 contro lo Stoccarda.[22] Grazie a questo successo, inoltre, la squadra di Monaco di Baviera è diventata la prima tedesca a ottenere il treble Bundesliga-Coppa di Germania-Champions League.[23]

Il 30 agosto 2013 con il Bayern Monaco ha vinto la Supercoppa UEFA; dopo l'1-1 nei tempi regolamentari e il 2-2 dei supplementari, nel corso dei tiri di rigore Neuer ha parato a Lukaku l'ultimo tentativo del Chelsea, sancendo così la vittoria della propria squadra.[24] Anche nella stagione 2013-2014 ha vinto la Bundesliga, con il Bayern Monaco campione con 7 giornate d'anticipo, migliorando così il record stabilito l'anno recedente.[25]

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Considerato, insieme a René Adler, uno dei più talentuosi tra i giovani portieri tedeschi,[26][27] appena prima di disputare la sua prima partita in Bundesliga è stato convocato nella Nazionale Under-21, con cui ha esordito il 15 agosto 2006, disputando il secondo tempo della partita contro i pari età dell'Olanda (2-2).

Neuer con la maglia della Nazionale tedesca nel 2011

Nell'agosto 2007 è stato aggregato alla Nazionale maggiore come quarto portiere dietro Lehmann, Hildebrand e Enke per un test atletico tenutosi il 4 settembre a Colonia.[28]

Il 2 giugno 2009 ha esordito nella Nazionale maggiore nell'amichevole vinta per 7-2 a Dubai contro gli Emirati Arabi Uniti[29] e successivamente ha partecipato all'Europeo Under-21, vinto dalla Germania, dove ha giocato tutte le 5 partite dei tedeschi subendo un solo gol nella terza e ultima partita della fase a gironi contro l'Inghilterra.

Neuer in azione contro il Portogallo durante l'Europeo 2012

Nel 2010 è stato selezionato per il Mondiale in Sudafrica, dove è stato titolare della Nazionale tedesca, che ha concluso la competizione al 3º posto, subendo 3 reti nelle 6 gare disputate e mantenendo la porta inviolata in 3 occasioni, due volte nella fase a gironi contro Australia e Ghana e nei quarti di finale contro l'Argentina.[30] Non ha invece disputato la finale per il terzo posto contro Uruguay, vinta per 3-2, dove il CT Joachim Löw ha preferito schierare in porta Hans-Jörg Butt,[31][32] all'ultima partita con la Nazionale tedesca.[33]

Nel maggio 2012 è stato convocato dal commissario tecnico Joachim Löw per l'Europeo 2012 in Polonia e Ucraina.[34] Nella sua partita di debutto agli Europei, Germania-Portogallo del 9 giugno 2012, ha mantenuto inviolata la porta della Nazionale tedesca (vittoria per 1-0),[35] mentre nelle due successive gare della fase a gironi contro Olanda e Danimarca ha subito un gol in entrambe le partite, vinte per 2-1, prima da Robin van Persie[36] e poi da Michael Krohn-Dehli.[37] Nella fase ad eliminazione diretta, invece, Neuer ha subito 2 gol sia nei quarti di finale contro la Grecia sia in semifinale contro l'Italia: nella prima occasione, dove la Germania ha vinto per 4-2, uno da Samaras e l'altro da Salpingidis su rigore[38] mentre nell'altra è stato Balotelli a segnargli un doppietta che ha determinato l'1-2 finale in favore degli azzurri e la conseguente eliminazione dei tedeschi.[39] In totale nel corso della manifestazione ha giocato 5 partite subendo 6 reti.

Statistichemodifica | modifica sorgente

Presenze e reti nei clubmodifica | modifica sorgente

Statistiche aggiornate al 12 aprile 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2003-2004 Germania Schalke 04 II RL 1 -1 - - - - - - - - - 1 -1
2004-2005 OL 1 -1 - - - - - - - - - 1 -1
2005-2006 OL 20 -21 - - - - - - - - - 20 -21
2006 OL 3 -3 - - - - - - - - - 3 -3
2008 RL 1 -0 - - - - - - - - - 1 -0
Totale Schalke 04 II 26 -26 - - - - - - 26 -26
2005-2006 Germania Schalke 04 BL 0 -0 CG 0 -0 UCL+CU 0 -0 - - - 0 -0
2006-2007 BL 27 -21 CG 0 -0 CU 0 -0 - - - 27 -21
2007-2008 BL 34 -32 CG 3 -1 UCL 10 -7 CLG 3 -3 50 -43
2008-2009 BL 27 -26 CG 2 -2 CU 5 -7 - - - 34 -35
2009-2010 BL 34 -31 CG 5 -1 - - - - - - 39 -32
2010-2011 BL 34 -44 CG 6 -3 UCL 12 -14 SG 1 -2 53 -63
Totale Schalke 04 156 -154 16 -7 27 -28 4 -5 203 -194
2011-2012 Germania Bayern Monaco BL 33 -22 CG 5 -6 UCL 14 -9 - - - 52 -37
2012-2013 BL 31 -18 CG 5 -3 UCL 13 -11 SG 1 -1 50 -33
2013-2014 BL 28 -15 CG 4 -1 UCL 10 -8 SG+SU+Cmc 0+1+2 -0 + -2 + -0 45 -26
Totale Bayern Monaco 92 -55 14 -10 37 -28 4 -3 147 -96
Totale carriera 274 -235 30 -17 64 -56 8 -8 376 -316

Cronologia presenze e reti in Nazionalemodifica | modifica sorgente

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Competizioni nazionalimodifica | modifica sorgente

Schalke 04: 2005
Schalke 04: 2010-2011
Bayern Monaco: 2012-2013
Bayern Monaco: 2012
Bayern Monaco: 2012-2013, 2013-2014

Competizioni internazionalimodifica | modifica sorgente

Bayern Monaco: 2012-2013
Bayern Monaco: 2013
Bayern Monaco: 2013

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (EN) The World's best Goalkeeper 2013, iffhs.de. URL consultato il 9 gennaio 2014.
  2. ^ (EN) The World's best Goalkeeper 2011, iffhs.de. URL consultato il 12 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2012).
  3. ^ (EN) The World's best Goalkeeper 2010, iffhs.de. URL consultato il 12 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 2 agosto 2012).
  4. ^ (EN) The World's best Goalkeeper 2012, iffhs.de. URL consultato il 12 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2013).
  5. ^ Schalke guastafeste in Portogallo, uefa.com, 5 marzo 2008. URL consultato il 20 maggio 2010.
  6. ^ (EN) Udo Bonnekoh e Friedhelm Körner, Neuer named new captain, schalke04.com, 20 agosto 2010. URL consultato il 27 aprile 2011.
  7. ^ Pagelle Schalke-Manchester United 0-2, voti e tabellino della gara, notizieitaliane.it, 26 aprile 2011. URL consultato il 14 luglio 2011.
  8. ^ Giggs e Rooney per il trionfo dello United, Eurosport, 26 aprile 2011. URL consultato il 14 luglio 2011.
  9. ^ Duisburg 0-5 Schalke 04, Eurosport, 21 maggio 2011. URL consultato il 14 luglio 2011.
  10. ^ (DE) FC Bayern verpflichtet Manuel Neuer, fcbayern.telekom.de, 1º giugno 2011. URL consultato il 1º giugno 2011.
  11. ^ Tifosi Schalke contro Neuer: impiccano suo manichino, Tuttosport, 20 settembre 2011. URL consultato il 20 maggio 2011.
  12. ^ Svelate le 5 'regole' imposte a Neuer dagli ultras del Bayern Monaco per essere 'sopportato'... non può neanche avvicinarsi alla Curva!, goal.com, 22 luglio 2011. URL consultato il 20 maggio 2011.
  13. ^ (DE) Kurt Hofmann e Felix Seidel, Coole Bayern!, Bild, 1º agosto 2011. URL consultato il 7 agosto 2011.
  14. ^ Alessio Fanuzzi, Il Napoli ferma il super Bayern, uefa.com, 18 ottobre 2011. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  15. ^ Rummenigge: 'La squadra sta maturando', fcbayern.telekom.de, 19 ottobre 2011. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  16. ^ Paul Bryan, I rigori parlano tedesco, il Bayern vola in finale, uefa.com, 25 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  17. ^ Stefano Cantalupi, La favola del Chelsea: campioni! Rigori fatali al Bayern: 5-4, La Gazzetta dello Sport, 19 maggio 2012. URL consultato il 20 maggio 2012.
  18. ^ Bayern 1-1 Chelsea - Chelsea vince 4-3 ai rigori, uefa.com, 19 maggio 2012. URL consultato il 26 agosto 2012.
  19. ^ La Supercoppa è del Bayern, uefa.com, 12 agosto 2012. URL consultato il 26 agosto 2012.
  20. ^ Stefano Cantalupi, Bayern campione di Germania con 6 turni d'anticipo: è il trionfo numero 23, La Gazzetta dello Sport, 6 aprile 2013. URL consultato il 29 maggio 2013.
  21. ^ Paolo Menicucci, Decide Robben, Bayern sul tetto d'Europa, uefa.com, 25 maggio 2013. URL consultato il 29 maggio 2013.
  22. ^ Stefano Cantalupi, Bayern nella storia: tripletta. Vince anche la Coppa di Germania, La Gazzetta dello Sport, 1º giugno 2013. URL consultato il 2 giugno 2013.
  23. ^ Chiusura con il botto per Heynckes: "Momento emozionante. Futuro? Martedì saprete...", goal.com, 2 giugno 2013. URL consultato il 2 giugno 2013.
  24. ^ Spettacolo a Praga, i rigori premiano il Bayern, uefa.com, 30 agosto 2013. URL consultato il 2 settembre 2013.
  25. ^ Germania, Bayern da record: campione con sette turni di anticipo, la Repubblica, 25 marzo 2014. URL consultato il 27 marzo 2014.
  26. ^ (DE) Oliver Müller, Adler oder Neuer – Wer wird die Nummer eins?, welt.de, 15 novembre 2008. URL consultato il 29 novembre 2008.
  27. ^ (DE) Udo Bonnekoh e Friedhelm Körner, Adler und Neuer – Rivalen im Tor, ngz-online.de, 15 novembre 2008. URL consultato il 29 novembre 2008.
  28. ^ (DE) Klose, Schweinsteiger, Podolski, Jansen und Gomez im Aufgebot, dbf.de, 31 agosto 2007. URL consultato il 20 maggio 2010.
  29. ^ (DE) Spielerinfo Neuer, dbf.de. URL consultato il 27 giugno 2012.
  30. ^ (EN) 1 Manuel Neuer (Germany) - Statistics - Main statistics, fifa.com. URL consultato il 22 giugno 2012.
  31. ^ (EN) Germany pip Uruguay to third place, fifa.com, 10 luglio 2010. URL consultato il 27 giugno 2012.
  32. ^ (DE) Wolfgang Müller e Jens Mende, Butt erlebt sein spätes WM-Glück, n-tv.de, 10 luglio 2010. URL consultato il 27 giugno 2012.
  33. ^ (DE) Butt hält das Glück fest, sport1.de, 11 luglio 2010. URL consultato il 27 giugno 2012.
  34. ^ Axel Ruppert, Cacau tra gli esclusi della Germania, uefa.com, 28 maggio 2012. URL consultato il 22 giugno 2012.
  35. ^ Germania-Portogallo 1-0, uefa.com. URL consultato il 22 giugno 2012.
  36. ^ Olanda-Germania 1-2, uefa.com. URL consultato il 22 giugno 2012.
  37. ^ Danimarca-Germania 1-2, uefa.com. URL consultato il 22 giugno 2012.
  38. ^ Germania-Grecia 4-2, uefa.com. URL consultato il 27 giugno 2012.
  39. ^ Germania-Italia 1-2, uefa.com. URL consultato il 27 giugno 2012.
  40. ^ (EN) Technical report (PDF), uefa.com, p. 68. URL consultato il 20 maggio 2010.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 11051079








Creative Commons License