Marc Christian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marc Christian (Hollywood, 23 giugno 1953Burbank, 2 giugno 2009) è stato un personaggio televisivo statunitense. È noto anche per essere stato il partner dell'attore Rock Hudson[1][2].

Biografiamodifica | modifica sorgente

Marc Christian e Rock Hudson si conobbero nel 1982, quando Christian aveva ventotto anni. Dopo l'inizio della loro relazione Christian andò a vivere assieme all'attore. Hudson fu la prima celebrità internazionale ad ammettere pubblicamente di essere affetta dall'AIDS, tanto che il suo caso svolse un ruolo notevole nella diffusione della conoscenza di questa malattia.

Il 2 ottobre 1985, dopo la morte di Rock Hudson, Marc Christian intentò contro gli eredi dell'attore una causa giudiziaria per il diritto alla prestazione alimentare e per i danni subiti alla salute, affermando che il partner gli aveva tenuto nascosta la malattia pur continuando ad avere rapporti sessuali con lui. Christian risultò sieronegativo.

A seguito del procedimento di primo grado la giuria stabilì che Christian avesse diritto a un risarcimento economico di venticinque milioni di dollari: la somma fu ridotta a cinque milioni dal giudice che emise la sentenza[1].

Successivamente Christian ricorse in appello, ma nel 1991 fu raggiunto un accordo extragiudiziale che pose fine alla controversia fra le parti.

Marc Christian morì a causa di alcuni problemi polmonari il 2 giugno 2009 al Providence Saint Joseph Medical Center di Burbank[3].

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Filmografiamodifica | modifica sorgente

Episodi TVmodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b (EN) Elaine Woo, Marc Christian; won AIDS suit vs. Hudson estate in The Boston Globe, 06 dicembre 2009. URL consultato il 12 dicembre 2009.
  2. ^ (EN) Jim Schroeder, The Advocate Goes to Court With Marc Christian in The Advocate, 13 novembre 2009. URL consultato il 12 dicembre 2009.
  3. ^ (EN) Marc Christian MacGinnis dies at 56; Rock Hudson's ex-lover in Seattle Gay News, 4 dicembre 2009. URL consultato il 3 gennaio 2010.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License