Marco Crestani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marco Crestani

Marco Crestani (Conco, 11 settembre 1926Marostica, 1 luglio 2010) è stato un compositore e direttore di coro italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Marco Crestani si è diplomato in pianoforte, organo e composizione organistica, musica corale e direzione di coro presso il Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Ha tenuto concerti d'organo in varie città d'Italia e alcune registrazioni per conto della RAI.

Coro CAI Marostica (1954). Marco Crestani il 4° in alto da sinistra.

È stato il fondatore del Coro CAI Marostica e ha diretto successivamente il Coro CAI Montegrappa di Bassano del Grappa e la Corale Canepa di Sassari. Ha arrangiato i canti della coralità veneta e composto musica sacra e profana.

Ha composto circa 300 opere nel campo della coralità (fra cui alcune messe e motteti), molte delle quali incise su dischi [1] e pubblicate da varie edizioni musicali italiane e straniere (Carrara, Zanibon, Ricordi, Suvini Zerboni[2], Eco, Porfiri & Horváth, Ares, Fondazione Guido d'Arezzo, Feniarco).

È stato in commissione ad alcuni dei maggiori concorsi nazionali ed internazionali ad Arezzo, Gorizia, Trento, Trieste, Vittorio Veneto e altri.

Ha insegnato presso i conservatori di Sassari, Cagliari e Verona.

Alcune composizionimodifica | modifica sorgente

Marco Crestani ha scritto prevalentemente per coro.

Musica sacramodifica | modifica sorgente

  • Missa fraternitatis, per coro voci miste
  • Rex autem David mottetto sull'antifona, per coro voci miste
  • Magnificat per coro voci miste
  • Antiphonae dal Vespro comune della B. V. Maria, per coro voci miste
  • Domine, ne longe facias" introito per coro voci miste
  • Rex autem David mottetto sull'antifona per coro voci miste
  • Cànite jubilantes commento al salmo 148, per coro voci miste
  • Lugebat autem Iudam antifona per coro voci miste
  • Stabat Mater mottetto per coro voci miste
  • Vox in rama communio per coro voci miste

Musica profanamodifica | modifica sorgente

Brani di ispirazione popolare o alpinamodifica | modifica sorgente

  • E gira che te gira (testo e musica)
  • El vecio alpino (testo di Gino Pistorello)
  • Il "dom" della campana (testo di A. Cuman Pertile)
  • Conturina (testo di A. Cuman Pertile)

Elaborazioni di melodie popolarimodifica | modifica sorgente

Tradizione venetamodifica | modifica sorgente

Gli arrangiamenti di melodie venete sono circa un centinaio soprattutto per coro maschile, e non di rado arrangiati anche per coro misto, fra i quali: Sei bella sei splendida, La leggenda del Sirio, Se te toco le manine, ecc.

Tradizione sardamodifica | modifica sorgente

Sono circa quindici canti, arrangiati per coro sia maschile sia misto, fra i quali: Funtana cristallina, Canzoni e "tracca", Tristu passirillanti, Rosa dechida, ecc.

Tradizioni regionali ed europeemodifica | modifica sorgente

Sono tre le pubblicazioni di canti europei arrangiati per coro di voci maschili a cui si sommano vari arrangiamenti di canti di regioni italiane (Oi carolin, A'l cjante'l gal, ecc.), canti alpini (O bianca luna, ecc.), melodie antiche (N'esperez plus, La blonde, ecc.).

Organomodifica | modifica sorgente

  • Sonata per organo (1964, e altre versioni)

Ottoni (e organo)modifica | modifica sorgente

Due libri di trascrizioni di musica di altri compositori, e arrangiamenti da sue composizioni.

Riconoscimentimodifica | modifica sorgente

Dagli anni '50 fino ai giorni nostri ha ottenuto varî primi premi a concorsi nazionali e internazionali di composizione corale: Pieve di Cadore, 1954/55/56; Varese, 1956; Roma, 1968; Lecco, 1972; Bergamo, 1976; Vittorio Carrara, 1977; Loreto, 1981; Trento, 1982/86/88, Tours, 1983/86; Codroipo, 1984/86; Verona, 1985; Vaison la Romaine, 1992.

Ha ottenuto il Premio Personalità della Città di Marostica per la composizione delle musiche della partita di scacchi e la carriera.

Ha ottenuto nel 2010 alla memoria il riconoscimento ASAC (Associazione Sviluppo Attività Corali del Veneto) per la carriera, con la motivazione di essere un "grande protagonista della coralità veneta".[3][4]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Curriculum dal sito delle Edizioni Carrara. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  2. ^ Europa Unita Canta - Ed. Suvini Zerboni. URL consultato il 26 dicembre 2010.
  3. ^ ASAC (Associazione Sviluppo Attività Corali del Veneto), Premio alla Carriera 2010 (PDF). URL consultato il 26 dicembre 2010.
  4. ^ Riconoscimento alla Carriera ASAC 2010 - Giornale di Vicenza. URL consultato il 26 dicembre 2010.

Riferimentimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License