Maria Cibrario Cinquini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maria Cibrario Cinquini (Genova, 6 settembre 1906Pavia, 16 maggio 1992) è stata una matematica italiana.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Dopo essersi laureata all'Università di Torino (1927) nel 1932 conseguì la libera docenza in Analisi. Nel 1928 diventò assistente di Peano e dopo la morte di questi (1932) fu assistente di Tricomi. Nel 1938 si sposò con Silvio Cinquini.

Nel 1939 passò all'Università di Pavia dove lavorò come assistente e professore incaricato. Dopo 4 anni passati prima a Cagliari e poi a Modena, ritornò a Pavia nel 1950 dove rimase fino alla pensione (1980).

Scrisse circa un centinaio di pubblicazioni e si occupò principalmente di equazioni differenziali alle derivate parziali e anche di altre varie questioni dell'Analisi come la trasformata di Laplace, i numeri e polinomi di Bernoulli, i problemi di minimo, i rapporti tra serie di polinomi sferici generalizzati e serie trigonometriche riguardanti funzioni ipergeometriche di Gauss e anche questioni geometriche sulle congruenze di rette iperspaziali e sulla estensione dei metodi della Geometria descrittiva dallo spazio ordinario a quello a quattro dimensioni per rappresentare le rigate e certe varietà di piani.

Nel 1981 venne nominata professore emerito di Analisi matematica. Fu inoltre membro dell'Accademia dei Lincei e di altre Accademie locali.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License