Maria d'Assia-Darmstadt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Granducato d'Assia e del Reno
Assia-Darmstadt
Wappen Deutsches Reich - Grossherzogtum Hessen 1.png

Luigi I
Luigi II
Luigi III
Luigi IV
Ernesto Luigi
Modifica
Maria nel 1878.
La famiglia d'Assia nel 1876; il granduca Luigi tiene in braccio Maria, Elisabetta è al suo fianco, Ernesto Luigi ed Irene sono davanti, Vittoria ha una mano sulla spalla di Irene e si appoggia alla madre, che tiene in braccio Alice

Maria Vittoria Fedora Leopoldina d'Assia e del Reno (Darmstadt, 24 maggio 1874Darmstadt, 16 novembre 1878) fu l'ultimogenita della principessa Alice del Regno Unito e Luigi IV, granduca d'Assia. La madre era la seconda figlia della regina Vittoria e del principe Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha.

Morì di difterite all'età di quattro anni e fu sepolta assieme alla madre, che morì alcune settimane dopo della stessa malattia. Lei e la nonna materna, la regina Vittoria, condividevano lo stesso giorno di compleanno.

Vitamodifica | modifica sorgente

Ebbe sei fratelli e sorelle più grandi, Vittoria, Elisabetta, Irene, Ernesto Luigi, Federico (che morì un anno prima della sua nascita per una complicazione legata all'emofilia) e Alice. In famiglia era chiamata May. La sorella Alice, di due anni più vecchia, era sempre la sua compagna. Le due ragazze si vestivano allo stesso modo e condividevano la stanza. Maria era la figlia preferita dalla madre.[1]

Mortemodifica | modifica sorgente

Una tragedia colpì la famiglia granducale nel 1878. Come descrisse la scena più tardi la sorella Vittoria, la famiglia si riunì la sera del 5 novembre quando lei stessa avvertì il collo irrigidito. Vittoria descrisse i sintomi alla madre, la quale penso che fossero orecchioni e disse che sarebbe stato comico se li avessero presi tutti. Vittoria si sentì però subito meglio, almeno abbastanza da poter leggere Alice nel Paese delle Meraviglie ai suoi fratellini più piccoli, mentre la madre sedeva vicino a loro chiacchierando con l'amica Katie Macbean, che stava sostituendo una dama di compagnia assente. Maria si alzò e pregò la madre di lasciarle prendere un'altra fetta di torta. Gli altri bambini chiesero alla Macbean di suonare il piano cosicché loro potessero danzare. Ballarono per circa mezz'ora ed andarono a letto di buonumore.

La mattina seguente a Vittoria fu diagnosticata la difterite; alle 3:00 del mattino del 12 novembre la stessa malattia venne diagnosticata ad Alix, che allora aveva sei anni. La principessa Alice ordinò che venisse portato un inalatore di vapore nella camera di Alix, per impedire che, fortemente malata com'era, morisse soffocata. Ore dopo, la principessa Maria corse nella camera della madre, s'infilò nel suo letto e la baciò. Nel pomeriggio anche Maria presentava i sintomi della malattia, soffrendo tra l'altro di un'alta febbre. Macchie bianche ed una sostanza mucosa bianca ricoprivano la cavità della gola. Il giorno seguente si ammalò la sorella Irene, ed il 14 novembre il fratello Ernesto ed il padre presero la difterite. Alice ed i dottori assistettero la famiglia costantemente. La mattina del 16 novembre Maria iniziò a soffocare finché morì a causa della membrana che copriva la sua gola. La madre, svegliata dai dottori, si affrettò nella nursery solo per trovarvi la figlia già morta. Alice si sedette accanto al corpo della figlia, baciando il viso e le mani di Maria, cercando di trovare le forze per avvertire il marito malato. Lei assistette anche al momento in cui la bara di Maria veniva trasportata nel mausoleo di famiglia.

Per le settimane seguenti, Alice tenne nascosta la morte di Maria ai suoi fratelli e sorelle ammalati che chiedevano di lei e provavano a mandare alla loro sorellina dei giocattoli. Elisabetta, che era stata mandata a stare con la sua nonna paterna, fu l'unica a scampare l'infezione. In ultimo, agli inizi di dicembre, fu detto anche ai bambini ammalati che Maria era morta. Inizialmente Ernesto, che aveva dieci anni all'epoca, si rifiutò di credere alla notizia, ma poi scoppiò in lacrime. La madre lo abbracciò e lo baciò, nonostante il rischio di contagio; il 7 dicembre Alice scoprì di avere pure lei i sintomi della difterite. Morì la mattina del 14 dicembre, mormorando: «Da venerdì a sabato – quattro settimane – May – caro Papà.»[2] Alice venne sepolta accanto alla figlioletta. Sulla tomba venne collocata una statua di Alice che teneva in braccio Maria.[3]

Antenatimodifica | modifica sorgente

Maria d'Assia-Darmstadt Padre:
Luigi IV d'Assia
Nonno paterno:
Carlo d'Assia
Bisnonno paterno:
Luigi II d'Assia
Trisnonno paterno:
Luigi I d'Assia
Trisnonna paterna:
Luisa d'Assia-Darmstadt
Bisnonna paterna:
Guglielmina di Baden
Trisnonno paterno:
Carlo Luigi di Baden
Trisnonna paterna:
Amelia Frederica di Assia-Darmstadt
Nonna paterna:
Elisabetta di Prussia
Bisnonno paterno:
Federico Guglielmo Carlo di Prussia
Trisnonno paterno:
Federico Guglielmo II di Prussia
Trisnonna paterna:
Federica Luisa d'Assia-Darmstadt
Bisnonna paterna:
Maria Anna d'Assia-Homburg
Trisnonno paterno:
Federico V d'Assia-Homburg
Trisnonna paterna:
Carolina d'Assia-Darmstadt
Madre:
Alice di Sassonia-Coburgo-Gotha
Nonno materno:
Alberto di Sassonia-Coburgo-Gotha
Bisnonno materno:
Ernesto I di Sassonia-Coburgo-Gotha
Trisnonno materno:
Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna materna:
Augusta di Reuss-Ebersdorf
Bisnonna materna:
Luisa di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonno materno:
Augusto di Sassonia-Gotha-Altenburg
Trisnonna materna:
Luisa Carlotta di Meclemburgo-Schwerin
Nonna materna:
Vittoria del Regno Unito
Bisnonno materno:
Edoardo Augusto di Hannover
Trisnonno materno:
Giorgio III del Regno Unito
Trisnonna materna:
Carlotta di Meclemburgo-Strelitz
Bisnonna materna:
Vittoria di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonno materno:
Francesco Federico di Sassonia-Coburgo-Saalfeld
Trisnonna materna:
Augusta di Reuss-Ebersdorf

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Mager (1998), p. 56
  2. ^ Mager (1998), pp. 52-56
  3. ^ Mager (1998), p. 58

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Mager, Hugo (1998). Elizabeth: Grand Duchess of Russia. Carroll and Graf Publishers, Inc. ISBN 0-7867-0678-3

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License