Marie-Madeleine d'Aubray

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marie-Madeleine d'Aubray durante la tortura

Marie-Madeleine d'Aubray, marchesa di Brinvilliers (Parigi, 6 luglio 1630Parigi, 17 luglio 1676), è stata una nobile e serial killer francese.

Primogenita dei sei figli di Antoine Dreux d'Aubray, un consigliere di Stato e luogotenente civile di Parigi, la donna apparteneva alla nobiltà di toga. Era sposata con Antoine Gobelin, marchese di Brinvilliers, erede della famiglia produttrice degli arazzi Gobelins[1].

Dopo aver condotto una vita dissoluta[2] imparò dal suo amante Godin de Sainte-Croix a maneggiare i veleni[3]. Sembra che, a sua volta, il Sainte-Croix avesse appreso tali conoscenze da un prigioniero italiano durante la sua prigionia alla Bastiglia. La donna e il suo amante sperimentarono gli effetti dell'arsenico su alcuni famigliari di Marie avvelenando poco a poco il padre e due fratelli[1]. Cercarono poi di uccidere anche una sorella, una cognata, una nipote e il marito Antoine[3].

Il ritratto che le fece Lu Brun durante l'esecuzione

Sainte-Croix morì probabilmente durante un esperimento[1]. Il suo laboratorio venne perquisito e in un cofanetto vennero trovate le lettere dei due amanti[3]. Prima che potesse essere arrestata però Marie riuscì a fuggire in Inghilterra facendo perdere le proprie tracce.

Gli inquirenti presero allora un suo domestico, Jean Hamelin, il quale sotto tortura confessò i crimini della sua padrona[1]. Si aprì a Parigi il cosiddetto Affare dei veleni, un processo che aveva ad oggetto i loschi traffici instaurati tra la corte di Versailles e i bassifondi della capitale. Al centro di questi era Jean-Baptiste Gaudin, il quale procurava potenti veleni dietro lauto compenso ai nobili che glielo richiedevano[1]. Durante l'affare, che raggiunse il suo culmine tra il 1679 e il 1682, vennero imprigionate 442 persone[1].

Nel 1673 Marie-Madeleine fu condannata a morte in contumacia e la Camera di Giustizia parigina chiese al re Carlo II d'Inghilterra l'estradizione. La donna però riuscì di nuovo a fuggire nascondendosi in un convento a Liegi[2]. Ivi però un reparto della cavalleria francese, che si trovava in città a causa della guerra d'Olanda, la riconobbe e la riportò in Francia[1]. Durante il processo del Parlamento di Parigi, che si svolse tra il 29 aprile e il 16 luglio 1676, confessò i suoi crimini e collaborò parzialmente a smascherare la rete criminale che coinvolgeva diversi membri dell'alta società e della nobiltà[1].

Ormai prossima alla morte, Marie-Madeleine si convertì per merito dell'abate Pirot, teologo della Sorbona, a cui confidò il proprio pentimento e il desiderio di venire bruciata viva per espiare i suoi peccati[1]. Il pittore Charles Le Brun, il decoratore della Reggia di Versailles, andò ad assistere all'esecuzione e ne eseguì un disegno ritraendo il viso della condannata durante il supplizio.

Rappresentazioni Artistichemodifica | modifica sorgente

Vi sono stati 2 arrangiamenti musicali sulla sua vita:

The Sailor Moon musical Kessen / Transylvania no Mori (Kaiteiban), include un personaggio conosciuto come De Brinvilliers-sensei. Era una vampira insegnante di chimica che testava i suoi studenti con i vari veleni. La sua vicenda è narrata nel racconto storico di Alexandre Dumas L'avvelenatrice.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d e f g h i Guido Gerosa, Il Re Sole, Mondadori, Milano, 2008
  2. ^ a b La Marchesa de Brinvilliers e lБ─≥Era dellБ─≥Arsenico
  3. ^ a b c http://en.wikisource.org/wiki/1911_Encyclop%C3%A6dia_Britannica/Brinvilliers,_Marie_Madeleine_Marguerite_d'Aubray,_Marquise_de

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 25407220 LCCN: n84076756

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License