Mario Appelius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mario Appelius (Arezzo, 29 luglio 1892Roma, 27 dicembre 1946) è stato un giornalista e radiocronista italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Fin da bambino, manifestò vivo interesse per i viaggi e l'avventura; tanto che, dopo l'ennesima fuga di casa, per punizione fu costretto dal padre ad imbarcarsi come mozzo su una nave italiana. Disertò anche il modesto lavoro nella marina mercantile e cominciò a vagabondare fra Egitto, India, Indocina, Filippine e Cina. Varie attività, affari, situazioni in giro per l'Asia e l'Africa ne favorirono la maturazione imprenditoriale, artistica e personale tanto che, a soli vent'anni, aveva già visitato tre continenti, sempre in bilico tra povertà e benessere.

Autodidatta, durante un soggiorno in Italia, ebbe occasione di collaborare con il Popolo d'Italia che gli offrì una corrispondenza dall'Africa mentre era al seguito di un'esplorazione nella quale era stato ingaggiato come interprete. Da quell'episodio, durante gli anni trenta, cominciò la sua carriera di scrittore di successo, grazie alla vena artistica che lo contraddistingueva per le sue fantasiose e forbite descrizioni delle città, dei popoli e degli stati che andava visitando nei cinque continenti. Nel 1930 fondò il Mattino d'Italia di Buenos Aires che diresse fino al 1933. In seguito fu corrispondente di guerra de Il Popolo d'Italia in Etiopia e in Spagna.

Grande e documentato viaggiatore, restò fino all'ultimo un convinto fascista. Nel 1938 fu tra i sostenitori pubblici del Manifesto della razza che precedette la promulgazione delle leggi razziali fasciste. Durante la Seconda guerra mondiale fu radiocommentatore; era la sua voce a ripetere alla radio italiana il motto: "Dio stramaledica gli Inglesi!" con riferimenti e frasi contro il famoso complotto "demo-pluto-masso-giudaico." Dopo l'invasione tedesca della Polonia, fece notare che i successi germanici erano dovuti all'applicazione delle tecniche già impiegate dagli italiani in Catalogna, nella Guerra civile spagnola, peraltro opinione corrente nei circoli militari[1][2].

Nel corso della guerra si allineò completamente alla propaganda dell'Asse, talvolta inventando di sana pianta battaglie vittoriose per il Terzo Reich[3]. Nonostante la grande popolarità delle sue trasmissioni radiofoniche, il rifiuto di negare le difficoltà incontrate dalle forze armate italo-tedesche negli ultimi tempi lo rese inviso al Ministero della Cultura Popolare[4], fino al suo definitivo allontanamento dal microfono il 20 febbraio 1943[5]. Dopo la fine della guerra venne fu processato per apologia del fascismo e condannato, ma grazie all'amnistia Togliatti evitò la carcerazione[3].

Operemodifica | modifica sorgente

  • La Sfinge nera, dal Marocco al Madagascar, 1924.
  • India, 1925.
  • Asia Gialla: Giava, Borneo, Indocina, Annam, Camboge, Laos, Tonkino, Macao, 1926.
  • Il cimitero degli elefanti, 1926.
  • Cina, 1926.
  • Le isole del raggio verde. Cuba, Giamaica, Haiti, Piccole Antille, 1929.
  • L'aquila di Chapultepec, 1929.
  • Nel paese degli uomini nudi, 1929.
  • Cile e Patagonia, 1930.
  • Da mozzo a scrittore, 1932.
  • Le terre che tremano. Guatemala, Salvador, Honduras, Nicaragua, Costarica, Panamà, 1933.
  • La crisi di Budda. Due anni fra i cinesi, 1935.
  • Il crollo dell'Impero dei Negus, 1936.
  • Una guerra di 30 giorni. La tragedia della Polonia, 1940.
  • La tragedia della Francia. Dalla superbia di ieri agli armistizi di oggi, Mondadori, 1940
  • Al di là della grande muraglia. Mongolia, Geòl, Manciuria, Frontiera della Siberia, Corea, Kurili e Sakhalin, 1941.
  • Cannoni e ciliegi in fiore (Il Giappone moderno), 1941.
  • Parole dure e chiare, Milano, A. Mondadori, 1942. Ripubblicato da M&B Publishing, 1999. ISBN 8886083696.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ R. Canosa, La voce del Duce. L'Agenzia Stefani: l'arma segreta di Mussolini, Mondadori, Milano 2002, p. 152.
  2. ^ M. Longo Adorno, Gli ebrei fiorentini dall'emancipazione alla Shoà, Casa Editrice Giuntina, 2003, p. 174.
  3. ^ a b Vedi la voce APPELLIUS, MARIO nel Dizionario Biografico degli Italiani
  4. ^ Il Ministero della Cultura Popolare, indicato a volte con l'acronimo irridente di MinCulPop, istituito nel 1937, può considerarsi il successore dell'Ufficio Stampa del Capo del Governo, istituito nel 1922.
  5. ^ G. Frenguelli, C. Grazioli, La scrittura coloniale di Mario Appelius (1892-1946), in Lingua e cultura dell'Italia coloniale, a cura di G. Frenguelli e L. Melosi, Roma, Aracne, 2009, pp. 60-61.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Livio Sposito, Mal d'avventura. La storia di Mario Appelius, viaggiatore irrequieto, giornalista e avventuriero, fascista per caso, Milano, Sperling e Kupfer, 2002. ISBN 8820033518.
  • Gianluca Frenguelli, Chiara Grazioli, La scrittura coloniale di Mario Appelius (1892-1946), in Lingua e cultura dell'Italia coloniale, a cura di Gianluca Frenguelli e Laura Melosi, Roma, Aracne, 2009, pp. 57-88.
  • Ada Gigli Marchetti, Mario Appelius, il microfono del Duce, in Storia della comunicazione in Italia. Dalle Gazzette a Internet, Bologna, Il Mulino, 2002, pp. 129-146.
  • Alessia Pedio, Costruire l’immaginario fascista. Gli inviati del «Popolo d’Italia» alla scoperta dell’altrove (1922-1943), Torino, Silvio Zamorani editore, 2013 ISBN 9788871582023.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

  • Appèlius, Mario da L'Enciclopedia Italiana, edizione on line, sito treccani.it
  • APPELIUS, Mario di G. De Caro, Dizionario Biografico degli Italiani, edizione on line, sito treccani.it







Creative Commons License