Mario Mariani (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mario Mariani (Solarolo, 1884San Paolo, 1951) è stato uno scrittore e saggista italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Dopo la prima guerra mondiale ebbe in Italia un certo riscontro di pubblico con i suoi romanzi permeati da un curioso mix tra anarchismo, analisi sociale e una blanda critica ai valori di quella che era la rinata classe borghese italiana (e che in seguito Moravia descriverà con ben più acuta incisività). Le sue opere erano contraddistinte per un tasso di erotismo alquanto elevato per l'epoca, e finirono per creare ben presto un certo scandalo, che accrebbe ancor più la sua popolarità. In passato aveva descritto, senza enfasi retorica, la sua esperienza militare durante la Grande Guerra in quello che probabilmente è il suo libro migliore Sott' la naja.

Fu giornalista in pianta stabile per il Messaggero e per accrescere le sue ambizioni letterarie (in modo da uscire da una certa fama di scrittore scandalistico) fondò anche delle riviste (Novella e Comoedia) che però non durarono a lungo. Ebbe modo infine di misurarsi anche con la saggistica (pregevole un suo saggio su Machiavelli).

Con l'avvento del Fascismo, di cui era sempre stato un critico spietato (più da un punto di vista sociologico che politico) emigrò in Francia, dove pubblicò i Quaderni dell'Antifascismo e Quaderni del volontarismo. Infine si stabilì in Brasile, non facendo mai più ritorno in Italia, nemmeno a liberazione avvenuta.

Bibliografia essenzialemodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License