Martín Zapata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Martín Zapata
Dati biografici
Nome Martín Zapata Viveros
Nazionalità Colombia Colombia
Altezza 178[1] cm
Peso 70[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2003
Carriera
Giovanili
198? Boca Juniors (Cali) Boca Juniors (Cali)
Squadre di club1
1992-1995 Once Caldas Once Caldas[2] 141 (4)
1995-2001 Deportivo Cali Deportivo Cali 240 (18)
2002-2003 Atletico Nacional Atlético Nacional 0 (0)
Nazionale
1997-2000 Colombia Colombia 5 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Martín Zapata Viveros (Santander de Quilichao, 28 ottobre 1970Cali, 22 aprile 2006) è stato un calciatore colombiano, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecnichemodifica | modifica sorgente

Giocava come centrocampista; José Eugenio Hernández, suo allenatore al Deportivo Cali, lo indicò come un leader in campo e sottolineò come fosse dotato di disciplina tattica.[3]

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Crebbe nelle giovanili del Boca Juniors di Cali.[4] Passò poi all'Once Philips Colombiana (che nel 1994 cambiò nome in Once Caldas), con cui giocò in massima serie nazionale.[4] Nel 1995 passò al Deportivo Cali, in cui trovò spazio con regolarità: nel 1996 vinse il titolo colombiano con la maglia bianco-verde.[5] Nel 1998, anno della seconda vittoria in ambito nazionale, fu nominato capitano della squadra dal tecnico Hernández.[6] Nel 1999 partecipò alla Coppa Libertadores, mettendosi in evidenza grazie alle 6 reti segnate, che lo resero capocannoniere della manifestazione, insieme ad altri cinque giocatori.[4] In quello stesso torneo, Zapata fu anche decisivo per la sconfitta della propria squadra in finale, contro il Palmeiras: sbagliò difatti il rigore decisivo.[4] Nel 2001 lasciò il Deportivo per l'Atlético Nacional, con cui si ritirò nel 2003.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Zapata fu convocato in Nazionale colombiana per la prima volta nel 1995, prendendo parte ai XII Giochi panamericani: segnò un gol nella finale 3º-4º posto tra Colombia e Honduras. Nel 1997 fu incluso nuovamente tra i membri della Nazionale, stavolta venendo inserito nella lista per la Copa América 1997.[7] In tale competizione non fu però mai schierato dal CT Gómez.[7] Zapata tornò a vestire la divisa della selezione cafetera nel 2000, in occasione della Gold Cup, cui la Colombia partecipava in quanto invitata.[8] Esordì dunque il 12 febbraio 2000 all'Orange Bowl di Miami contro la Giamaica: giocò da titolare.[8] Fu poi impiegato contro Honduras, Stati Uniti, Perù e Canada, sempre da titolare.[8]

Mortemodifica | modifica sorgente

È stato assassinato con tre colpi di arma da fuoco a Cali mentre cercava di separare due persone coinvolte in una rissa.[4]

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Competizioni nazionalimodifica | modifica sorgente

Deportivo Cali: 1995-1996, 1998

Individualemodifica | modifica sorgente

1999 (6 gol)

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b (PT) Martín Zapata Viveros(Martín Zapata), playerhistory.com. URL consultato il 16-8-2011.
  2. ^ Fino al 1993 Once Philips Colombiana.
  3. ^ (ES) Asesinan al ex futbolista del Deportivo Cali, Martín Zapata, caracol.com.co, 22 aprile 2006. URL consultato il 16-8-2011.
  4. ^ a b c d e (ES) Ex capitán del Cali, asesinado en una riña, El Tiempo, 23 aprile 2006. URL consultato il 16-8-2011.
  5. ^ (ES) Asesinan a ex futbolista Martín Zapata, terra.com, 22 aprile 2006. URL consultato il 16 agosto 2011.
  6. ^ (ES) Martín Zapata fue asesinado en Cali, El Colombiano. URL consultato il 16 agosto 2011.
  7. ^ a b (EN) Copa América 1997, RSSSF. URL consultato il 16-8-2011.
  8. ^ a b c (ES) Barrie Courtney, CONCACAF Championship, Gold Cup 2000 - Full Details, RSSSF, 19 novembre 2005. URL consultato il 16-8-2011.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License