Massimo Barone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Barone

Massimo Barone (Roma, 1942) è uno scrittore italiano.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Massimo Barone è uno scrittore italiano nato a Roma nel 1942. Scrive romanzi e racconti brevi e di saggistica. Negli anni ottanta ha scritto testi per il teatro (Li rido e me li vendo, Minoranza afona) messi in scena dalla compagnia "Del Tartufo" al Teatro La Scaletta e al teatro l'Orologio di Roma. Collabora al supplemento letterario 'Via Po' di Conquiste del Lavoro diretto da Mauro Fabi con recensioni e saggi. Vive tra Roma e l'isola d'Elba.

Operemodifica | modifica sorgente

Narrativamodifica | modifica sorgente

Dal 1976, Massimo Barone ha pubblicato quattro libri di narrativa, tra cui Il console Stendhal. In quest'ultimo romanzo, immagina le lettere scritte dal nuovo console di Civitavecchia a una dama romana, Clementina. Questo romanzo diviene una biografia possibile di Henri-Marie Beyle. Massimo Barone condivide con lo scrittore francese il senso dell'ironia e la passione per l'archeologia.

Saggisticamodifica | modifica sorgente

Nella raccolta Renault 4, scrittori a Roma prima della morte di Moro, Avagliano, 2007, a cura di Carlo Bordini e Andrea di Consoli), Massimo Barone ha scritto il primo saggio, "Scherzi della memoria". Si tratta di un'introduzione storica e politica sugli anni settanta.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Agricane, Marsilio editori, Roma, 1976.
  • Amici di chiave, Fazi, Roma, 1998
  • Parco Nemorense, Avagliano, Roma, 2005.
  • Ritorni e Altre Storie, Ilisso, Roma, 2006.
  • "Scherzi della memoria", in Renault 4, scrittori a Roma prima della morte di Moro, Avagliano, Roma, 2007.
  • Il console Stendhal, Avagliano, Roma, 2008.
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License