Massimo Castri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Massimo Castri (Cortona, 25 maggio 1943Firenze, 21 gennaio 2013) è stato un attore e regista italiano di teatro e cinema.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Debutta come attore nel 1967 al Piccolo Teatro di Milano nella messinscena di Unterdenlinden di Roberto Roversi diretta da Raffaele Majello.

Nel 1968/1970 entra a far parte della Comunità Teatrale dell'Emilia-Romagna dove lavora in spettacoli con la regia di Giancarlo Cobelli (del quale in seguito sarà regista assistente) e Roberto Guicciardini.

In quel periodo partecipa ai film I cannibali di Liliana Cavani e Sotto il segno dello scorpione dei fratelli Taviani.

Nel 1971 consegue la laurea in lettere all'Università di Genova con una tesi sul teatro politico, che venne poi pubblicata da Einaudi nel 1973.

La sua prima regia (I costruttori d'imperi di Boris Vian) risale al novembre 1972 nel Teatro Santa Chiara di Brescia. Nel 1973 scrive e mette in scena Fate tacere quell'uomo! (ricostruzione della vicenda di Arnaldo da Brescia). Dal 1974 diventa stabilmente regista della Compagnia della Loggetta di Brescia, in seguito trasformata in Centro Teatrale Bresciano (CTB).

Negli anni anni ottanta, con Emilia-Romagna Teatro, Castri realizza diverse regie di successo.

Nel 1990 avvia in Toscana la collaborazione con i giovani dell'Atelier della Costa Ovest per la realizzazione del "Progetto Euripide", offrendo nel medesimo giorno (29 giugno) due spettacoli diversi in luoghi diversi: Elettra a Campiglia Marittima e Oreste a Rosignano Marittimo.

Nel 1993 inizia la collaborazione con il Teatro Stabile dell'Umbria realizzando Elettra al Teatro Caio Melisso di Spoleto e Ifigenia in Tauride di Euripide. Nel 1994 diventa direttore artistico del Teatro Metastasio di Prato.

Nel 1999 dirige a Bruxelles una delle sessioni di lavoro del progetto École des Maîtres. Negli anni 2000 e 2001 dirige il Teatro Stabile di Torino.

Nel 2004 è direttore del 36° Festival Internazionale del teatro organizzato dalla Biennale di Venezia.

Firma due regie nel 2005: Il padre di August Strindberg e Spettri di Ibsen. Nel 2008 vince il Premio Gassman con Così è se vi pare di Luigi Pirandello.

L'ultima regia è del 2011, al Teatro Metastasio di Prato debutta con La cantatrice calva di Ionesco. Durante le prove l'aggravarsi della malattia lo costringe a casa. Determinante per l'andata in scena sarà la collaborazione di Marco Plini.

Si è dedicato anche all'insegnamento presso la Scuola d'arte drammatica Paolo Grassi di Milano e presso l'Atelier della Costa Ovest in Toscana.

Si è spento nel 2013 nella sua casa di Firenze, dopo una lunga malattia, all'età di 69 anni.

Regiemodifica | modifica sorgente

(elenco non esaustivo)

Premi e riconoscimentimodifica | modifica sorgente

(elenco non esaustivo)

  • Stagione 1983-1984, Premio Ubu migliore regia per Trachinie di Sofocle
  • Stagione 1988-1989, Premio Ubu migliore regia per La famiglia Schroffenstein di Heinrich von Kleist
  • Stagione 1988-1989, Premio Ubu migliore regia per Il berretto a sonagli di Luigi Pirandello
  • Stagione 1991-1992, Premio Ubu migliore regia per I rusteghi di Carlo Goldoni
  • Stagione 1996-1997, Premio Ubu migliore regia per La trilogia della villeggiatura di Carlo Goldoni
  • Stagione 1996-1997, Premio Ubu migliore regia per La ragione degli altri di Luigi Pirandello
  • Stagione 2001-2002, Premio Ubu migliore regia per John Gabriel Borkman di Henrik Ibsen
  • 2008, Premio Gassman migliore regia per Così è (se vi pare) di Luigi Pirandello
  • 2011, Premio Alabarda d'oro miglior spettacolo per Finale di partita di Samuel Beckett

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License