Mattia Stabingher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mattia Stabingher, o Stabinger o Staubingher (Firenze, 7 aprile 1739[1]Venezia, 1815), è stato un compositore e flautista italiano di ascendenza tedesca.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Egli era figlio dell'oboista tedesco Melchior Stabinger, dal quale si presume ricevette i suoi primi rudimenti musicali. In seguito studiò flauto sotto la guida di Nicolas Dôthel, flautista francese attivo presso la corte fiorentina. Nel 1772 fu direttore dei concerti dell'Académie des Beaux-Arts di Lione, dove fu anche attivo come compositore e flautista. Dal 1778 al 1781 ottenne ampi successi come compositore di balletti e direttore d'orchestra per i balli a Milano, Venezia, Roma e Palermo. In seguito fu nominato maestro di cembalo a Varsavia e con la compagnia Mattei-Orecia si recò prima a San Pietroburgo e successivamente a Mosca, dove fu direttore dell'Opera Italiana al teatro Petrovsky; per questo palcoscenico compose l'opera Il finto pazzo per amore e l'oratorio metastasiano Betulia liberata. Tornato in Italia nel 1783, diede a Venezia, in occasione del Carnevale del 1784, L'astuzie di Bettina e scrisse musica da balletto per Vicenza e Cremona. Nel 1785, giunto nuovamente a Mosca, riprese la posizione che teneva precedentemente al teatro Petrovsky e successivamente riscuotendo numerosi consensi per produzione di due sue opere basate su un libretti in russo. Verso la fine del secolo lasciò la Russia e ritornò in Italia. Gli ultimi suoi anni di vita sono quelli più oscuri, in quanto ci giungono scarse informazioni sul suo conto; molto probabilmente fu a Lucca al servizio al servizio della Regina Maria Luisa di Etruria. Tuttavia rimane completamente sconosciuta la sua data precisa di morte, che avvenne probabilmente attorno al 1815 a Venezia.

Considerazioni sull'artistamodifica | modifica sorgente

La maggior parte della musica di Stabingher è andata perduta, ma rimangono due suoi lavori teatrali, dall'analisi dei quali si osserva che egli fu un abile compositore[2].

Nell'ambito della musica strumentale Stabingher preferì dedicarsi ai vari generi di composizioni da camera (con l'impiego prevalente del flauto). I suoi quartetti op.6 sono i primi lavori noti di questa forma musicale ad essere stati scritti per quattro flauti senza una parte di basso.

Composizionimodifica | modifica sorgente

Ballettimodifica | modifica sorgente

  • Der glückliche Schiffbruch (1769-72, Vienna)
  • L'Adelasia, o sia Lo scoprimento della figlia d'Ottone (1778, Mantova)
  • La Merope
  • Calipso abbandonata
  • La morte d'Odoardo IV e Il sposo geloso
  • Il trionfo di Alessandro
  • Le aventure d'Ircana e La sconfitta della amazzone
  • La congiura di Gloucester
  • La forza d'amore e La pastorella fedele
  • La Rosalia
  • Ernelinda e Giscone
  • La morte di Arrigo VI
  • La pastorella delle Alpi
  • La contadina astuta
  • Alessandro nelle Indie
  • La congiuara del duca di Gloucester
  • Il matrimonio infelice
  • Li zingari

Operemodifica | modifica sorgente

  • Il finto pazzo per amore (opera, libretto di T. Mariani, 1782, Mosca)
  • L'astuzie di Bettina (opera, 1784, Venezia)
  • La Sarità delusa (opera buffa, libretto di Carlo Goldoni, 1784, Firenze)
  • Baba-Yaga (opera comica, libretto di D. Gorchalov, 1786, Mosca)
  • Pigmalion, ili Sila lyubvï (dramma per musica, libretto di T. V. Maykov, dopo Jean-Jacques Rousseau, 1787, Mosca)
  • Neudachnaya zhenit'ba (opera, 1788, Mosca)

Altri lavori vocalimodifica | modifica sorgente

  • La Betulia liberata (oratorio, libretto di Pietro Metastasio, 1783, Mosca)
  • La presa d'Ismaïl (allegoria, 1792, Mosca)
  • La réconciliation de l'Europe (1801, Mosca)
  • Orfeo (cantata, Mosca, 1792)
  • 6 ariette (canzoncine) per soprano, violino e clavicembalo (1805)
  • Caro bene, il mio dolore (rondò, per soprano e clavicembalo a quattro mani, 1805)

Altra musica strumentalemodifica | modifica sorgente

  • 6 duo per 2 flauti, op.1 (1772, Parigi)
  • 6 quartetti per flauto, violino, viola e basso, op.2 (1773, Parigi)
  • 6 trii per 2 violini e violoncello, op.3 (1775 ca., Parigi)
  • 6 duo concertanti per 2 flauti, op.7 (1784, Venezia)
  • 6 quartetti concertanti per flauto, 2 violini e basso, op.5 (1784-5, Venezia)
  • 6 quartetti notturni per 4 flauti, op.6 (Venezia, 1784-5)
  • 6 sonate per fortepiano e violino (Mosca, 1786)
  • 3 divertimenti per flauto, violino, viola e violoncello (Venezia, 1787)
  • Concerto per 2 flauti, archi e 2 corni
  • Concerto per flauto e archi e 2 corni
  • Trio in mi min. per 2 violini e violoncello
  • Vari terzetti per flauto, violino e basso
  • Duo per 2 flauti (o violino e flauto)
  • Sonate per flauto e basso continuo
  • Conversazione (6 sonate) per 2 clavicembali
  • Trionfo del Armata Francese (suite per clavicembalo a quattro mani; 1805)

Di dubbia attribuzionemodifica | modifica sorgente

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • L. Vallas, La musique à l'Académie de Lyon au dix-huitième siècle (Lione, 1908)
  • R.-A. Mooser, Opéras, intermezzos … joués en Russie durant le XVIII siècle (Ginevra, 1945)
  • S. Dahms, Das Repertoire des Ballet en Action: Noverre-Angiolini-Lauchery, Festschrift Gerhard Croll, p. 138 (Laaber, 1992)
  • N. Delius, Matthia Stabingher ed il suo contributo al Flautismo italiano, La musica strumentale nel Veneto fra Settecento ed Ottocento (Padova, 1996)

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ In Musik in Geschichte und Gegenwart la nascita di Stabingher viene collocata in Germania nel 1750
  2. ^ Nikolaus Delius, voce Mattia Stabingher in New Grove Dictionary of Music and Musicians
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica







Creative Commons License