Maurizio Balocchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maurizio Balocchi

Sottosegretario di Stato del Ministero per la Semplificazione Normativa
Durata mandato 8 maggio 2008 –
22 febbraio 2010
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore "Incarico non Istituito"
Successore Francesco Belsito

Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Interno
Durata mandato 11 giugno 2001 –
17 maggio 2006
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Aniello Di Nardo
Successore Franco Bonato

Dati generali
Partito politico Lega Nord
on. Maurizio Balocchi
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Luogo nascita Firenze
Data nascita 24 novembre 1942
Luogo morte Roma
Data morte 14 febbraio 2010
Titolo di studio Diploma di istituto professionale per il commercio
Professione amministratore di partito
Partito Lega Nord
Legislatura XI, XII, XIII, XVI
Gruppo Lega Nord Padania
Coalizione PdL - LN - MpA
Circoscrizione Liguria (XVI Leg.), Lombardia 2 (XI, XII e XII Leg.)
Incarichi parlamentari
  • IV Governo Berlusconi: Sottesegretario di Stato con delega alla Semplificazione normativa
Pagina istituzionale

Maurizio Balocchi (Firenze, 24 novembre 1942Roma, 14 febbraio 2010) è stato un politico italiano.

Dopo aver conseguito la licenza media lavorò come computista commerciale, amministratore immobiliare e assicuratore. Parallelamente alla sua attività politica, Balocchi è stato fondatore e presidente dell'Associazione italiana degli amministratori di condominio.

Fondatore della Lega Nord Liguria, nel 1988 si iscrisse alla Lega Nord diventando quattro anni dopo segretario federale del partito. Nel 1989 divenne consigliere comunale di Chiavari mentre l'anno seguente venne eletto consigliere provinciale di Genova, ricoprendo l'incarico di capogruppo del movimento leghista; nel frattempo però non aveva abbandonato il suo posto al consiglio comunale del paese di residenza, di cui divenne presidente nel 1994.

Dal 1993 al 2010,anno della sua morte Balocchi ricopre l'incarico di Tesoriere della Lega Nord subentrando ad Alessandro Patelli coinvolto nell'inchiesta Tangentopoli.Durante i diciassette anni di gestione del patrimonio fu costretto a fare fronte alla vicenda di Credieuronord, la banca della Lega fallita e dove migliaia di militanti e cittadini persero interamente il proprio capitale, e i villaggi in Croazia in cui Balocchi insieme al presidente federale della Lega di allora Stefano Stefani (poi assolto o archiviato) fu indagato senza pero mai arrivare a sentenza a causa della sua morte.Balocchi gesti l'intero patrimonio della Lega in maniera autonoma senza essere mai affiancato da un comitato amministrativo o da altri membri di controllo; soltanto nel 2009 a causa dell'aggravarsi della sua malattia fu affiancato dal cooregionale Francesco Belsito, come vice tesoriere della Lega che dopo la morte di Balocchi assunse l'incarico di Tesoriere.

Eletto deputato nazionale dal 1992 al 2001, è stato sottosegretario al Ministero dell'Interno nel secondo e nel terzo governo Berlusconi. Tornato a Montecitorio nel 2008 dopo una felice candidatura nella circoscrizione Liguria, al momento del decesso era sottosegretario alla Semplificazione normativa del quarto governo guidato da Silvio Berlusconi.Nel 1994 è stato Segretario della Lega Nord alla Camera.

Nel 2012 il suo nome finisce nelle carte di tre procure in relazioni ai fondi neri elargiti dalla Lega Nord alla famiglia del leader Umberto Bossi e dei suoi figli (soprattutto dopo il 2004 anno dell'ictus che colpi gravemente Bossi) nei diciassette anni in cui è stato tesoriere del partito.I pm parlano soprattutto di 20 milioni di lire consegnate presumibilmente in nero da Bossi a Balocchi per inserirli nelle casse della Lega Nord evitando che fossero registrati sfruttando l'incarico di tesoriere ricoperto da Balocchi.Nell'inchiesta risulta inoltre indagato il successore di Balocchi alla tesoreria e suo seguace politico Francesco Belsito.

Morì il 14 febbraio 2010 a Roma al Policlinico Gemelli all'età di 67 anni e al suo posto si è insediato Francesco Belsito[1][2].

Predecessore Sottosegretario di Stato alla Dipartimento per la Semplificazione Normativa Successore Emblem of Italy.svg
non istituito 5 maggio 2008-22 febbraio 2010
(Governo Berlusconi IV)
Francesco Belsito
Predecessore Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Interno Successore Emblem of Italy.svg
Aniello Di Nardo 11 giugno 2001-17 maggio 2006 Franco Bonato

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Lega: morto sottosegretario Maurizio Balocchi - AdnKronos, 15 febbraio 2010
  2. ^ È morto Maurizio Balocchi - Il Secolo XIX, 16 febbraio 2010

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License