Maurizio Trombini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maurizio Trombini (Santhià, 27 ottobre 1954) è un attore, doppiatore e speaker italiano, noto anche come voce fuori campo di diversi spot pubblicitari, ha vinto due premi MediaStar come migliore voce recitante. Speaker degli sketch della Televisione svizzera di lingua italiana interpretati dal trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo, del programma di attualità Lucignolo di Italia 1 e voce di Anthony Bourdain per Discovery Travel & Living.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Tra i personaggi doppiati Re Cold in Dragon Ball Z, Sid in Tex Avery Show, Rhinox in Beast Wars, Mr. 1 in One Piece, Dennis Lone in Macross II, Martian Manhunter in Justice League Unlimited, Gerolamo in Remì le sue avventure, Hati in Il libro della giungla, il presidente della El Dorado Heikichi Toudou in Inazuma Eleven GO: Chrono Stone, il Detective J'onn J'onzz in The Batman, Roland e Nezbith in Yu-Gi-Oh!, Elia in Lisa e Seya un solo cuore per lo stesso segreto, Giatrus in Giatrus,il primo uomo, Tora in Ushio e Tora e il Tenente Guzza nel videogioco di Blade Runner.

Ha inoltre doppiato Patrick Stewart nell'edizione VHS dell'episodio pilota della serie Star Trek: Deep Space Nine, J.K. Simmons nel film Hidalgo - Oceano di fuoco, Don Marshall in La terra dei giganti e Woody Harrelson nella serie televisive Cin cin.

Tuttavia il suo personaggio più famoso rimane la voce del programma di Italia 1 Lucignolo.

Ha lavorato in teatro allo Stabile di Torino con Carlo Campanini nel 1978, al Piccolo Teatro di Milano dal 1981 recitando ne L'anima buona di Sezuan e La tempesta con la regia di Giorgio Strehler, Il precettore di Lenz regia di Enrico Damato, Intermezzo e "Grande e piccolo" con la regia di Carlo Battistoni. Sempre in teatro ha recitato al Pierlombardo con Franco Parenti e Lucilla Morlacchi in Labirinto, con Dario Fo e Franca Rame ne Il Papa e la strega. Con Vittorio Gassman ha partecipato a Fa male il teatro. Con Alessandra Casella e il trio Milonga ha portato in varie piazze italiane lo spettacolo Quel mistero che noi chiamiamo amore.

Ha partecipato a varie serie televisive: Viaggio a Goldonia con la regia di Ugo Gregoretti, Aeroporto internazionale sempre per la Rai con la regia di Paolo Poeti, Il Ricatto trasmesso da Canale 5 nel 1988, varie sitcom con Gino Bramieri, Sandra Mondaini, Raimondo Vianello, Gene Gnocchi, Gerry Scotti e altri ancora. Per la Rai ha preso parte a La bambina dalle mani sporche regia di Renzo Martinelli, con la regia di Gilberto Squizzato la serie Documenti verità. Ha partecipato alla soap opera Centovetrine. Per la RSI ha lavorato con Moni Ovadia in Storia di un ufficiale di carriera, con la regia di Vittorio Barino Segreto di famiglia, come protagonista in Linea di confine regia di Massimo Donati e Alessandro Maccagni. Sempre per Maccagni ha girato Tawanna Ray nel 2006. Nel 2007 con la regia di Andrea Canetta il film in due puntate Anime in corsa. Per Rai Uno, è stato protagonista in Don Orione regia di Schivazappa, con la regia di Carlo Battistoni in diretta Una bella domenica di settembre. Per le reti Mediaset ha inoltre girato Il delitto è servito diretto da Paolo Zenatello.

Per il cinema ha partecipato ai film Porzûs e Vajont - La diga del disonore con la regia di Renzo Martinelli, Come si fa un Martini regia di KiKo Stella, Casomai regia di Alessandro D'Alatri, Bella da morire regia di Alex Poli, Tutti gli uomini del deficiente regia della Gialappa's Band.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License