Mauro Pagani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mauro Pagani
Fotografia di Mauro Pagani
Nazionalità Italia Italia
Genere Rock progressivo
World music
Musica d'autore
Folk
Periodo di attività 1970 – in attività
Strumento Voce, chitarra, violino, viola, flauto, ottavino, bouzouki, oud, saz, mandola, mandolino, mandoloncello, lira, organo, pianoforte, tastiera
Studio 4
Live 1
Sito web

Mauro Pagani (Chiari, 5 febbraio 1946) è un polistrumentista, compositore e produttore discografico italiano.

Musicista polistrumentista affermato anche come produttore, ha fatto parte della Premiata Forneria Marconi nel ruolo di flautista e violinista e ha collaborato con molti altri autori e musicisti italiani, fra cui (su tutti) Fabrizio De André, ma anche Gianna Nannini, Ornella Vanoni, Roberto Vecchioni, Massimo Ranieri, Luciano Ligabue e al Concerto del Primo Maggio 2009 con Caparezza. È anche autore di colonne sonore. Le sue ispirazioni comprendono non solo il rock, ma anche il blues e la musica etnica di matrice araba, balcanica e medio-orientale.

Biografiamodifica | modifica sorgente

All'età di dieci anni comincia a studiare violino e poco dopo il flauto traverso attraverso i consigli del padre (flautista). Negli anni '60 comincia a militare in vari gruppi nell'area bresciana tra cui un gruppo con Giorgio Cordini la "Forneria Marconi" (da qui il nome che proporrà lui stesso per la Premiata Forneria Marconi). dopo aver militato per poco tempo nel gruppo dei "Dalton", la sua attività di musicista lo porta ad avvicinarsi al gruppo de I Quelli nel 1970 durante la registrazione de La buona novella di Fabrizio De André. Il suo ingresso ufficiale nella band, ne farà mutare il nome in I Krel, nome utilizzato solo per 3 tracce ufficiali (un 45 giri ed un brano incluso in una compilation della Dischi Ricordi) e, in seguito, in Premiata Forneria Marconi. Negli anni in cui militerà nella PFM, Pagani si occuperà di scrivere tutti i testi dei brani che nelle versioni inglesi dei dischi scriverà insieme a Peter Sinfield (paroliere dei King Crimson) e darà un notevole contributo alle sonorità del gruppo. Nella PFM milita per sette anni e dopo il tour in Giappone del 1975 con il gruppo viene inserito dalla critica nipponica tra i 10 musicisti migliori al mondo.[1]

Nel 1974 sposò la traduttrice Adalaura Quinque, ricevendo come regalo di nozze da Greg Lake (che aveva portato la PFM a Londra aiutandoli molto nel loro successo internazionale) un violino[2]; nel 1991 diventa padre di Fernanda[3] e nel 1997 di Leonardo.

Dopo aver lasciato la PFM, inizia un percorso di ricerca musicale, in particolare una ricerca sulla musica etnica di matrice araba, pur rimanendo un bluesman orientato alla sperimentazione.

Nel 1978 pubblica con la etichetta Ascolto il suo primo album da solista intitolato Mauro Pagani, che anticipa, nelle sonorità e nella ricerca di contaminazioni, quella che verrà poi definita world music.

Nel 1979 ha preso parte al progetto Carnascialia con Demetrio Stratos e altri affermati musicisti, molti dei quali provenienti dal Canzoniere del Lazio, con l'intento di rivitalizzare le sonorità popolari dell'Italia centrale e meridionale e più in generale dell'Europa mediterranea.

Il secondo album come solista è del 1981, Sogno di una notte d'estate, concepito come colonna sonora per uno spettacolo teatrale di Gabriele Salvatores. Da questo fu poi ricavato un film, e una nuova colonna sonora è uscita nel 1983, con lo stesso titolo.

La sua carriera vede un importante punto di snodo nella collaborazione con Fabrizio De André, iniziata nel 1981 e durata ben 14 anni, col quale compone tutte le musiche di Crêuza de mä nel 1984 (considerato dalla critica un capolavoro e inserito da David Byrne tra i dieci dischi più importanti del decennio in tutto il mondo) e Le nuvole nel 1990 in cui spicca la celeberrima Don Raffaè, lavori di cui si occupa anche della produzione.

Nel 1988 partecipa al Festival di Sanremo con il gruppo rock demenziale Figli di Bubba che forma per l'occasione insieme a Franz Di Cioccio, Roberto Manfredi, Sergio Vastano, Enzo Braschi, Roberto Gatti e Alberto Tonti.

Nel 1991 esce Passa la bellezza, in cui è contenuto il brano Davvero davvero duettato con Fabrizio De André; l'album riceve la Targa Tenco come miglior opera prima dell'anno. Nel 1997 ottiene una nomination al David di Donatello per la colonna sonora del film di Gabriele Salvatores Nirvana.

Nel 1998 fonda a Milano le "Officine Meccaniche", degli studi di registrazione da cui passeranno artisti come Daniele Silvestri, Samuele Bersani, Le Vibrazioni, i La Sintesi, Bluvertigo, gli Afterhours, i Negramaro, Stefano Bollani, i Muse, i Franz Ferdinand, Elisa, Massimo Ranieri, Lacuna Coil, Giulio Casale. Nello stesso anno è direttore artistico del Concerto del Primo Maggio a Roma.

Nel 2000 è direttore artistico del Festival di Sanremo.

Nel 2001 comincia la sua attività di organizzatore della manifestazione "Siena: la città aromatica", rassegna estiva di musica nelle strade della città di Siena culminante ogni anno in un concerto in Piazza del Campo.

Nel 2003 inizia la sua collaborazione con Ligabue: con l'artista emiliano, con il quale suonerà anche al concerto di Campovolo nel 2005, collabora in modo determinante alla realizzazione prima del tour teatrale e poi all'album live tratto da quell'esperienza: Giro d'Italia. Sempre nel 2003 pubblica il suo terzo album di inediti, Domani.

Nel 2004, incide 2004 Creuza de mä, riproposizione a vent'anni di distanza del disco originario con nuovi arrangiamenti ed alcuni brani inediti di ispirazione etnica, cioè fatta dal popolo per divertire se stesso (secondo quanto affermato dallo stesso De André circa l'ispirazione di Crêuza de mä).[4]

Sempre nel 2004 "Officine Meccaniche" diventa un'etichetta discografica.

Nel 2007 è chiamato a sostituire Ambrogio Sparagna come maestro concertatore della Notte della Taranta, il grande evento di musica popolare salentina che si tiene ogni anno nel periodo di agosto a Melpignano.

Nel 2009 pubblica per la casa editrice Rizzoli Editore un romanzo dai tratti autobiografici, "Foto di gruppo con chitarrista".

Nell'aprile 2009 è autore e produttore artistico del singolo Domani 21/04.2009, in collaborazione con Giuliano Sangiorgi e Jovanotti; il brano inciso ha visto la partecipazione di oltre 50 artisti italiani. La canzone è in memoria delle vittime del terremoto d'Abruzzo avvenuto circa un mese prima e dedicata ai sopravvissuti e a tutti coloro che lavorano alla ricostruzione. Il ricavato di questo progetto è stato destinato alla ricostruzione e al restauro del Conservatorio "Alfredo Casella" e della sede del Teatro Stabile d'Abruzzo dell'Aquila.

Si registra inoltre una collaborazione con la cantante Arisa per il suo album "Amami" uscito nel 2012

Nel 2011 il Club Tenco di San Remo gli ha conferito il Premio Tenco come operatore culturale; la consegna è avvenuta sabato 12 novembre 2011, durante la 36ª Rassegna della Canzone d'autore.

Nel 2013 e 2014 è il direttore musicale del Festival di Sanremo.

Discografiamodifica | modifica sorgente

Album (con la PFM)modifica | modifica sorgente

Livemodifica | modifica sorgente

Album (con i Figli di Bubba)modifica | modifica sorgente

Album (solista)modifica | modifica sorgente

Colonne sonoremodifica | modifica sorgente

Curiositàmodifica | modifica sorgente

  • Pagani è un grandissimo polistrumentista virtuoso del violino, del flauto, del bouzouki ma anche di una varietà di altri strumenti.
  • è assolutamente contrario al sistema dell'industria musicale che "smercia canzoni come chi smercia in pere e prosciutti" e dei talent show, definendoli programmi che si nutrono di "carne umana".senza fonte

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ archivio.raiuno.rai.it - Mauro Pagani
  2. ^ Torna la Pfm: il rock del 2000 non ci spaventa
  3. ^ PAGANI Mauro - biografia
  4. ^ Rivista Anarchica Online

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 91191353 SBN: IT\ICCU\UBOV\489744








Creative Commons License