Mauro Vittorio Zanotta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mauro Vittorio Zanotta (Laino, 1963Monte Bianco, 17 maggio 2009) è stato un astronomo italiano.

Mauro Vittorio Zanotta era un geometra e un astrofilo italiano, è ricordato in particolare per essere stato l'ultimo astrofilo italiano ad oggi ad aver scoperto una cometa da terra (altre scoperte sono state fatte su immagini riprese dal satellite SOHO). L'attività astronomica di Zanotta è stata rivolta principalmente allo studio e all'osservazione delle stelle variabili e alla ricerca di comete[1]. Zanotta è stato un membro dell'AAVSO (sigla ZAM)[2].

Il 23 dicembre 1991 Zanotta ha coscoperto la cometa C/1991 Y1 Zanotta-Brewington[3], la scoperta è avvenuta dopo 3 anni e mezzo e 230 ore di ricerche[4], l'anno precedente Zanotta era stato uno scopritore indipendente della cometa C/1990 N1 Tsuchiya-Kiuchi[5][6].

In suo onore l'asteroide 1998 OK è stato denominato 14568 Zanotta[7].

Zanotta è morto in un incidente di scialpinismo avvenuto sul versante francese del Monte Bianco[8].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ CITAZIONI DEI PIANETINI NUMERATI E NOMINATI
  2. ^ (EN) Minor Planet Names in Honor of AAVSO Members and Observers
  3. ^ (EN) COMET ZANOTTA-BREWINGTON (1991g1)
  4. ^ quelli della notte, sui tetti
  5. ^ In memoria di Mauro Vittorio Zanotta
  6. ^ (EN) IAUC 5053: 1990i; CH Cyg; VY Aqr
  7. ^ (EN) M.P.C. 41386 del 13 ottobre 2000
  8. ^ Scialpinista di Laino muore sul Monte Bianco

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License