Max Hödel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emil Max Hödel

Emil Max Hödel (Lipsia, 25 maggio 1857Berlino, 16 luglio 1878) è stato un anarchico tedesco. Ex lattoniere, l'11 maggio 1878 attentò alla vita dell'imperatore Guglielmo I di Germania.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Inizialmente membro del partito socialista democratico, dopo aver lavorato come lattoniere vendette giornali mentre pensava alla diffusione di stampati politici, tra cui quelli del partito cristiano socialista. Iniziò a viaggiare con l’intento di diffondere il suo credo politico e per questo fu ricercato a Nauemberg per aver offeso l'imperatore. Si recò in Alsazia, in Lorena, in Slesia ed in Vestfalia.

L'attentatomodifica | modifica sorgente

Hödel giunse a Berlino il 25 aprile 1878 . Si racconta l’aneddoto secondo cui disse ad un fotografo che lo aveva ritratto di conservare con cura il negativo poiché con esso avrebbe fatto buoni affari. A Berlino, l'11 maggio 1878, Guglielmo I, accompagnato dalla figlia, la granduchessa di Baden, di ritorno in carrozza fu bersaglio di due colpi di pistola nei pressi della Porta di Brandeburgo. Mentre si stava cercando di bloccare l'aggressore, l'imperatore, sentendo esplodere i due colpi, aveva esclamato: «ma sono per me quei colpi?».

Il processomodifica | modifica sorgente

Nel luglio del 1878 ci fu il processo a Hödel: la sentenza pronunciata dalla Corte Suprema fu di condanna a morte per decapitazione. Venne eseguita il 16 luglio.

Notemodifica | modifica sorgente


Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Sergio Feldbauer, Attentati Anarchici dell'Ottocento, ottobre MCMLXIX, Mondadori.
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License