Friedrich Max Müller

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Max Müller)
 Max Müller, foto giovanile.

Friedrich Max Müller, noto comunemente come Max Müller (Dessau, 6 dicembre 1823Oxford, 28 ottobre 1900), è stato un filosofo, filologo, storico delle religioni, linguista e orientalista tedesco.

Figlio del poeta Wilhelm Müller, è considerato il fondatore della disciplina della religione comparata. Visse per gran parte della sua vita in Inghilterra e fu professore di filologia comparata all'Università di Oxford. Tra le sue pubblicazioni compare l'imponente opera Sacred Books of the East, in 50 volumi, una raccolta di traduzioni in inglese di testi sacri orientali, considerata una delle massime espressioni della scienza sociale di epoca vittoriana.

Fu in contatto con grandi personalità filosofiche del tempo. Celebre è il suo carteggio con Ralph Waldo Emerson. Uomo dagli interessi assai ampi, Max Müller fu uno dei primi europei a intessarsi alle filosofie orientali, facendosi tra l'altro sostenitore di una concezione spiritualista dell'evoluzione umana.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 9893606 LCCN: n80044765

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License