Max Romih

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Max Romih, in seguito italianizzato in Massimiliano Romi (Pinguente, 22 maggio 189324 aprile 1979), è stato uno scacchista italiano di origine slava.

Nato in Istria a Pinguente (ora Buzet, Croazia) e cittadino dell'Impero Austro-Ungarico, dopo la prima guerra mondiale divenne italiano con l'annessione della Venezia Giulia al Regno d'Italia cambiando il proprio nome in Massimiliano. Qualche tempo dopo, con l'avvento del fascismo e delle "italianizzazioni" dei nomi, anche il cognome fu cambiato e divenne Romi. L'"h" finale, comunque continuò ad apparire fino al torneo di Sanremo del 1930.

Giocò numerosi campionati nazionali, pareggiando per la 5ª posizione a Viareggio nel 1921 (edizione vinta da Davide Marotti) e fu 2º a Milano nel 1934 dietro Mario Monticelli. A Firenze nell'edizione del 1935 vinta da Antonio Sacconi, condivise la seconda piazza. Dopo la seconda guerra mondiale fu 16º nel 1948 ancora a Firenze, 9º nel 1951 a Venezia, 3º nel 1954 a Trieste e 2º nel 1956 a Rovigo. Infine, all'età di 77 anni, giunse 12º nel 1970 a Sottomarina.

In campo internazionale vinse nel 1925 a Scarborough, giunse 3º nel 1926 a Hyères, 7%º nel 1929 a Venezia, 16º nel 1930 a Sanremo, 4º nel 1938 a Parigi e 2º, dietro a Esteban Canal, a Reggio Emilia nel 1947.

Romih rappresentò l'Italia anche in cinque edizioni delle Olimpiadi degli scacchi ottenendo i seguenti risultati:

Edizione +1 ½ 0
Francia Parigi 1924 5 3 5
Regno Unito Londra 1927 3 3 9
Cecoslovacchia Praga 1931 5 3 10
Polonia Varsavia 1935 5 3 9
Germania Monaco 1936 6 3 11







Creative Commons License