Mazzè

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mazzè
comune
Mazzè – Stemma Mazzè – Bandiera
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Torino-Stemma.svg Torino
Sindaco Teresio Comerro (lista civica) dal 14/06/2004
Territorio
Coordinate 45°18′00″N 7°56′00″E / 45.3°N 7.933333°E45.3; 7.933333 (Mazzè)Coordinate: 45°18′00″N 7°56′00″E / 45.3°N 7.933333°E45.3; 7.933333 (Mazzè)
Altitudine 323 m s.l.m.
Superficie 27 km²
Abitanti 4 177[1] (31-12-2010)
Densità 154,7 ab./km²
Frazioni Barengo, Casale, Tonengo
Comuni confinanti Caluso, Candia Canavese, Chivasso, Cigliano (VC), Moncrivello (VC), Rondissone, Villareggia, Vische
Altre informazioni
Cod. postale 10035
Prefisso 011
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 001148
Cod. catastale F067
Targa TO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 838 GG[2]
Nome abitanti mazzediesi
Patrono Maria santissima Assunta
Giorno festivo 15 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Mazzè
Localizzazione del Comune di Mazzè nella Provincia di Torino.
Localizzazione del Comune di Mazzè nella Provincia di Torino.
Sito istituzionale

Mazzè (Massè in piemontese) è un comune di 4.177 (Istat anno 2010) abitanti della provincia di Torino attraversato dal fiume Dora Baltea.

Centro noto per l'antico castello situato su Colle San Michele e affacciato sull'ampia ansa della Dora Baltea che scorre ai piedi della rupe. Comprende le frazioni Barengo, Casale e Tonengo. Il territorio è suddiviso in due parrocchie della diocesi di Ivrea: SS. Gervasio e Protasio (Mazzè capoluogo e frazione Barengo per un totale di circa 2.000 parrocchiani) e S. Francesco d'Assisi (frazioni Tonengo e Casale per un totale di circa 2.200 parrocchiani).

Etimologiamodifica | modifica sorgente

Il toponimo della località posta ai confini occidentali del Canavese ha origini ancora da chiarire; due sono al momento le possibili ipotesi:

  • La prima è legata al ritrovamento nella pavimentazione della chiesetta dedicata ai Santi Lorenzo e Giobbe, antica parrocchiale di Mazzè, di una lapide funeraria di epoca imperiale dedicata ad un Seviro [ il sevirato rappresentava una sorta di carica municipale (magistratura), nell'ambito del culto legato all'imperatore ], Macionis è il nome che si legge sulla lapide, che avrebbe fornito, con le varie modifiche maturate nel tempo, la base all'attuale denominazione del luogo.
  • La seconda ipotesi sposterebbe l'origine del nome ad epoca celtica, ricordiamo che gli antichi abitanti del territorio prima dell'arrivo dei romani erano di origine celto-ligure; il vocabolo celtico sarebbe stato Mattiacu.

Giandomenico Serra insigne studioso di cultura e tradizioni canavesane nonché glottologo nel suo libro Contributo toponomastico alla Descrizione delle Vie Romane e Romee nel Canavese confermerebbe questa teoria, facendo derivare il termine da Mattiaca, la divinità celtica della guerra e dell'oltretomba e signora dei guadi, nota in Irlanda con l'appellativo di Morrigan (nome a noi noto nella traduzione di "Morgana"). A sostenere tale teoria vi è anche il fatto che a Mazzè vi era in antico l'unico guado praticabile sulla Dora Baltea verso la pianura vercellese, a meno di non voler transitare da Ivrea proseguendo poi verso il Lago di Viverone.

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[3]

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte







Creative Commons License