Michael O'Donoghue

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michael O'Donoghue (Paris, 5 gennaio 1940New York, 8 novembre 1994) è stato uno sceneggiatore, umorista, attore , editore e giornalista statunitense. Era conosciuto per il suo stile comico nero e tagliente e un caldo umorismo. Fu il maggiore contributore della rivista National Lampoon, nonché una delle prime persone a partecipare al programma americano di culto Saturday Night Live.

Mortemodifica | modifica sorgente

L'8 novembre 1994, O'Donoghue morì per una emorragia cerebrale all'età di 54 anni, al termine di una lunga storia clinica fatta di quelle che furono diagnosticate come emicranie croniche.

La sua morte prematura è stata associata anche alla maledizione di Atuk, una sceneggiatura comica che avrebbe "ucciso" molte delle persone che avrebbero lavorato o si sarebbero detti interessati ad essa. Sebbene si tratti di una leggenda urbana, dopo la morte di personaggi del calibro di John Belushi, Sam Kinison e John Candy il progetto cadde nel dimenticatoio.[1][2]


Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (EN) Neda Raouf. The 'Atuk' Curse. Los Angeles Times, 21-02-1999 (ultimo accesso il 20-10-2010).
  2. ^ (EN) Danny Harkins. The Insane True Stories Behind 6 Cursed Movies. Cracked, 12-08-2008 (ultimo accesso il 20-10-2010).

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Doug Hill, Jeff Weingrad. Saturday Night (1986).
  • Tony Hendra. Going Too Far (1987). ISBN 0-385-23223-3.
  • Dennis Perrin. Mr. Mike: The Life and Work of Michael O'Donoghue (1999). ISBN 0-380-72832-X.
  • James A. Miller, Tom Shales. Live From New York: An Uncensored History of Saturday Night Live, as Told By Its Stars, Writers and Guests (2001). ISBN 0-316-73565-5.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 54201584 LCCN: n80072562








Creative Commons License