Michele De Rosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michele De Rosa (Acerno, 17 novembre 1940) è un vescovo cattolico e teologo italiano.

Michele De Rosa
vescovo della Chiesa cattolica
Michele De Rosa ritisettennali.JPG
BishopCoA PioM.svg
Dominum et vivificantem
Titolo Cerreto Sannita-Telese-Sant'Agata de' Goti
Incarichi attuali Vescovo di Cerreto Sannita-Telese-Sant'Agata de' Goti
Nato 17 novembre 1940 a Acerno
Consacrato vescovo 12 luglio 1998 dal cardinale Michele Giordano

Biografiamodifica | modifica sorgente

Nato ad Acerno, ha frequentato la scuola media e il ginnasio presso il seminario arcivescovile di Salerno.

È stato ordinato presbitero il 29 giugno 1964, cinque giorni dopo aver ottenuto la licenza in teologia presso la Pontificia Facoltà teologica "San Luigi" di Napoli.

Ha proseguito gli studi, conseguendo la laurea in teologia nel 1966 presso la Pontificia Università Gregoriana con la tesi "La teologia contemporanea e le opere buone puramente naturali".[1]

Dopo la laurea è stato nominato vice-rettore del seminario regionale di Salerno, di cui diviene docente di lettere e di teologia dogmatica nel 1967.

Nel 1970 consegue la laurea in lettere all'Università Federico II di Napoli.

Nel 1973 diviene assistente di teologia sacramentaria e poi incaricato di teologia protestante per la Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Nel 1979 è divenuto docente di ecclesiologia ed ecumenismo all'Istituto Superiore di Scienze Religiose "S. Matteo" di Salerno. Nel 1983 è nominato direttore dello stesso istituto. Nel 1997 riceve l'incarico di teologia dogmatica alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale.

È stato eletto alla sede vescovile di Cerreto Sannita-Telese-Sant'Agata de' Goti il 23 maggio 1998.

Ha indetto una visita pastorale nella diocesi, portata a termine tra il 2003 e il 2007. Una delle sue preoccupazioni pastorali è stata quella di dotare le parrocchie di luoghi di riunione e aggregazione e di canoniche per i parroci.[2]

Nel 2008 ha indetto e aperto un sinodo dei giovani della diocesi di Cerreto Sannita-Telese-Sant'Agata de' Goti per gli anni 2008-2010.[3]

Il 3 aprile 2010 sul tema pedofilia e Chiesa cattolica ha dichiarato in un'intervista: "Bisogna chiaramente perseguire questi casi [di pedofilia], ma bisogna avere rispetto del peccatore. Non denuncerei alla polizia un prete accusato. Soprattutto se si è pentito sinceramente, lo toglierei di là e lo metterei in un posto dove non può più far male, dove avrebbe meno tentazioni […]".[4]

Nella stessa intervista ha affermato, in merito agli ebrei, "Capisco che abbiano sofferto con l’Olocausto, ma non possono farne una bandiera" scatenando la reazione dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane che tramite il suo rappresentante Gadi Polacco ha così risposto: "Il Vescovo De Rosa è membro della Commissione CEI per l’ecumenismo e il dialogo e, a parte lo stress che pare aver accumulato, mi conferma ancora una volta la saggezza di un detto americano che spesso mi viene ricordato: con amici così, chi ha bisogno di nemici?!"[5].

In merito alle dichiarazioni di mons. Michele De Rosa sui preti pedofili il gruppo consiliare di minoranza di Cerreto Sannita ha presentato un'interrogazione al sindaco del comune chiedendogli "se l'Amministrazione Comunale di Cerreto Sannita intenda dissociarsi dalle dichiarazioni del Vescovo e invitarlo a rimuovere quelle dichiarazioni espresse pubblicamente sul sito della Diocesi il 10 aprile 2010 che, per come si leggono, sono esplicitamente volte a sottrarre all'amministrazione della giustizia, nel caso ne venisse a conoscenza, i presunti responsabili di gravi delitti nei confronti dei bambini"[6].

Nel 2010 ha proibito al vescovo di Alife-Caiazzo mons. Valentino Di Cerbo di celebrare la santa messa in una chiesa di Frasso Telesino, paese natale del vescovo Di Cerbo. I fedeli del comune hanno più volte scritto al vescovo Michele De Rosa chiedendo chiarimenti in merito alla vicenda ma non hanno mai ottenuto risposta.[7][8]

Attualmente è membro della Commissione per l'ecumenismo e il dialogo della Conferenza episcopale italiana.

Operemodifica | modifica sorgente

È collaboratore de L'Osservatore Romano e direttore della collana di studi religiosi dell'Elea Press.

Oltre ad articoli per riviste teologiche, ha pubblicato i seguenti testi:

  • (a cura di) Charitas in veritate. Studi in onore di S.E. Mons. Guerino Grimaldi, Istituto Superiore di Scienze Religiose, Salerno, 1987
  • Teologia protestante, Elea Press, Salerno, 1990, ISBN 8885269001
  • In Cammino verso Dio
  • Momenti di Vita cristiana
  • Le principali verità del catechismo della Chiesa cattolica, Elea Press, Salerno, 1996 ISBN 8885269524
  • (a cura di) Dives in misericordia. Studi in onore di Mons. Gerardo Pierro, Elea Press, Salerno, 1997, ISBN 8885269680

Genealogia episcopalemodifica | modifica sorgente

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Rossi, op. cit., p. 227.
  2. ^ Omelia per il decimo anniversario di episcopato
  3. ^ Sinodo dei giovani
  4. ^ Pedofilia: opinione di Mons. De Rosa. URL consultato il 26-07-2010.
  5. ^ Vescovo della Commissione CEI per il dialogo: “Questi ebrei sono permalosi!”. URL consultato il 01-10-2010.
  6. ^ Preti e pedofilia, Fappiano interroga il sindaco di Cerreto su quanto dichiarato dal vescovo. URL consultato il 01-10-2010.
  7. ^ Cronache Frassesi: Per ricordare e capire cosa è successo a Frasso. URL consultato il 6 settembre 2011.
  8. ^ Cronache Frassesi: “Né Santi, né Madonne”, né Vangelo. URL consultato il 6 settembre 2011.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

  • Giovanni Rossi, Catalogo de' Vescovi di Telese; seconda ristampa con introduzione, integrazioni, correzioni ed aggiunte fino ai giorni nostri a cura di Nicola Vigliotti, Puglianello, Edizioni Media Press, 2008.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Predecessore Vescovo di Cerreto Sannita-Telese-Sant'Agata de' Goti Successore BishopCoA PioM.svg
Mario Paciello dal 23 maggio 1998 in carica

Controllo di autorità VIAF: 43487261 LCCN: n91115588








Creative Commons License