Michele Ferrari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Michele Ferrari (Ferrara, 26 marzo 1953) è un medico italiano, preparatore di ciclismo.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Dopo aver iniziato la carriera medica con svariate ricerche e pubblicazioni sulla soglia anaerobica di numerosi atleti, Ferrari si dedicò allo sviluppo di programmi d'allenamento per ciclisti professionisti.

Uno dei primi successi fu la preparazione di Francesco Moser per il raggiungimento del record dell'ora nel 1984, ottenuto surclassando nettamente il precedente primato di Eddy Merckx. Nel 1999 ammise pubblicamente l'uso di autotrasfusioni, al tempo non rilevabili, per il raggiungimento del record, fu quindi squalificato dalle autorità ciclistiche. In seguito lavorò ancora in ambito sportivo, con i dottori Francesco Conconi e Luigi Cecchini.

Ancor più celebre è il legame che unì il dottor Ferrari alla squadra US Postal, e di conseguenza al campione americano Lance Armstrong, vincitore di sette Tour de France. La dura testimonianza di Filippo Simeoni, che ammise l'uso indiscriminato di eritropoietina (EPO) e testosterone in base al parere medico di Ferrari[1], scatenò una serie di vivaci polemiche e una forte lite tra il ciclista italiano e il campione texano. Tuttavia Armstrong negò l'utilizzo di sostanze dopanti e difese pubblicamente l'amico Ferrari[2]. A Ferrari nel maggio 2006 fu estinto il reato di frode sportiva per prescrizione e fu assolto per l'accusa di doping perché «il fatto non sussiste».[3]

Nel luglio 2012 l'agenzia antidoping degli Stati Uniti (USADA), lo inibisce a vita dall'esercizio della professione sportiva, per violazione del regolamento antidoping, nell'ambito delle indagini sulla squadra ciclistica United States Postal Service (USPS).[4] Il 10 ottobre 2012 il Corriere della Sera pubblica in prima pagina una foto di Ferrari in allenamento su una bici da corsa, vestito con la maglia della U.S. Postal e il casco della Discovery Channel, le due squadre storiche di Armstrong.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Simeoni accusa Ferrari: «Mi ha dato l'Epo», 13 febbraio 2002. URL consultato il 14 febbraio 2014.
  2. ^ La risposta di Armstrong alle accuse rivolte a Ferrari. URL consultato il 14 febbraio 2014.
  3. ^ Doppia assoluzione per il dottor Ferrari, gazzetta.it, 23 maggio 2006. URL consultato il 14 febbraio 2014.
  4. ^ (EN) Members Of The United States Postal Service Pro-Cycling Team Doping Conspiracy, U.S. Anti-Doping Agency (USADA), 10 luglio 2012. URL consultato il 14 febbraio 2014.







Creative Commons License