Missak Manouchian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Missak Manouchian

Missak Manouchian (in armeno: Միսաք Մանուշեան; Adıyaman, 1 settembre 1906Fort Mont-Valérien, 21 febbraio 1944) è stato un militante armeno, membro della Francs-Tireurs et Partisans de la Main d'Oeuvre Immigrée (FTP-MOI) e della resistenza francese.

La gioventùmodifica | modifica sorgente

Nacque ad Adıyaman, in Turchia, il 1º settembre del 1906 da una famiglia armena. Il padre fu ucciso durante il genocidio armeno, e sua madre morì di stenti e per malattia poco dopo, durante le marce della morte. Con il fratello fu quindi ospitato in un orfanotrofio nella Siria francese alla fine della Prima guerra mondiale. Nel 1925 emigrò in Francia, stabilendosi inizialmente a Marsiglia ed in seguito a Parigi, dove lavorò nella fabbrica della Citroën. Insieme a molti connazionali, Manouchian iniziò a lavorare per una rivista letteraria dedicata agli ideali di sinistra e alla tutela della cultura armena in Francia. Dopo aver lavorato in falegnameria, Manouchian si iscrisse alla Confédération générale du travail (CGT). Nel 1934 aderisce al Partito Comunista Francese. Nel 1935, viene eletto segretario del Comitato di Soccorso per l'Armenia (HOC). Diviene quindi militante "permanente". Nel 1939, quando il Partito Comunista viene messo fuori legge sarebbe passato in clandestinità.

Durante la guerramodifica | modifica sorgente

In quanto straniero, Manouchian fu evacuato da Parigi durante la Finta guerra, e lavorò nell'area di Rouen come tornitore. In seguito all'occupazione nazista nel giugno 1940, tornò e riprese la sua militanza. Venne arrestato in seguito a un raid nel giugno 1941, e detenuto a Compiègne per alcune settimane (nessuna accusa fu sollevata contro di lui).


Diventa poi responsabile politico della sezione armena clandestina della MOI di cui si conosce l'attività fin dal 1943. Nel febbraio 1943, Manouchian entra nel FTP-MOI, di Parigi: si tratta di gruppi armati costituiti nell'aprile 1942 sotto il comando dell'ebreo bessarabo Boris Holban. Il primo distaccamento a cui è inviato comprende essenzialmente degli ebrei romeni e ungheresi e qualche armeno. Il 17 marzo, partecipa alla sua prima azione armata, a Levallois-Perret, ma la sua indisciplina gli vale una nota di biasimo e l'allontanamento.[1]

Nel luglio 1943, diventa commissario tecnico dei FTP-MOI parigini e nell'agosto è nominato commissario militare, sostituendo Boris Holban che era stato esautorato dalle sue funzioni per ragioni disciplinari. Joseph Epstein, responsabile di un altro gruppo del FTP-MOI, era divenuto il responsabile dell'insieme dei FTPF della regione parigina. È dunque il superiore gerarchico di Manouchian che, a sua volta, ha ai suoi ordini tre distaccamenti, per un totale di una cinquantina di militanti.[1] A suo attivo va messa l'esecuzione (da parte di Marcel Rayman, Léo Kneler e Celestino Alfonso), il 28 settembre 1943, del generale Julius Ritter, assistente francese di Fritz Sauckel, responsabile della mobilitazione della manodopera (Service du Travail Obligatoire, STO) nell'Europa occupata dai nazisti. I gruppi di Manouchian hanno compiuto circa trenta operazioni in tutta Parigi dall'agosto alla metà novembre 1943.

La Brigade spéciale n° 2 dei Renseignements généraux aveva compiuto due retate in marzo e nel luglio del 1943. Da allora, le fu possibile portare a termine una serie di azioni che portarono allo smantellamento completo dei FTP-MOI parigini alla metà di novembre con 68 arresti tra cui quelli di Manouchian e Joseph Epstein. Nel mattino del 16 novembre 1943, Manouchian è arrestato alla stazione di Évry Petit-Bourg. La sua compagna Mélinée riuscì a scappare. Missak Manouchian, torturato, e ventidue suoi compagni, furono fucilati dalla Geheime Feld Polizei (GFP) che sfruttò la situazione per propaganda. Olga Bancic, fu invece decapitata a Stoccarda il 10 maggio 1944.

Ereditàmodifica | modifica sorgente

Louis Aragon ha esaltato Manouchian e altri combattenti nella coscienza pubblica francese attraverso il poema L'affiche rouge, più tardi cantato da Léo Ferré.

Nel 1985, la vedova Mélinée Manouchian (che era riuscita a evitare la cattura da parte nazista) ha lanciato un dibattito pubblico affermando che i compagni delle vittime non fecero nulla per evitare la loro cattura ed esecuzione.

Nel 2009, il regista marsigliese Robert Guédiguian ha realizzato il film L'armée du crime, basato sulle vicissitudini di Manouchian e dei suoi compagni.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b Stéphane Courtois, article Missak Manouchian in Dictionnaire biographique du mouvement ouvrier

Controllo di autorità VIAF: 62350071 LCCN: n87811980

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License