Moda (statistica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una funzione di distribuzione con evidenziate la moda, la mediana e la media

In statistica, la moda o norma della distribuzione di frequenza X è la modalità (o la classe di modalità) caratterizzata dalla massima frequenza e viene spesso rappresentata con la simbologia ν0. In altre parole, è il valore che compare più frequentemente.

Una distribuzione è unimodale se ammette un solo valore modale, è bimodale se ne ammette due (ossia: se esistono due valori che compaiono entrambi con la frequenza massima nella data distribuzione),[1] trimodale se ne ha tre, ecc.

Per la determinazione della classe modale è opportuno ricorrere all'istogramma, individuando l'intervallo di altezza massima, ovvero il punto di massimo della curva.

La classe con la maggiore densità media (che corrisponde all'altezza dell'istogramma) è quella modale.

Nella gaussiana i tre valori coincidono

Nel caso particolare della distribuzione normale, detta anche Gaussiana, la moda coincide con la media e la mediana.

Indicando con n(x_i, x_{i+1}) il numero di elementi che cadono nella classe (x_i, x_{i+1}), l'altezza h(i, i+1) sarà data da:

\ h(i, i+1) = \frac {\ n(x_i, x_{i+1})}{x_{i+1} - x_i}

L'utilità della moda risiede nell'essere l'unico degli indici di tendenza centrale a poter descrivere caratteri qualitativi.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (EN) IUPAC Gold Book, "bimodal distribution"

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente








Creative Commons License