Monique van der Vorst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monique van der Vorst
Dati biografici
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Categoria Disabili
Palmarès
 Giochi Paralimpici
Argento Pechino 2008 Cronometro
Argento Pechino 2008 In linea
 

Monique van der Vorst (Gouda, 20 novembre 1984) è una ciclista su strada e triatleta olandese, due volte medaglia d'argento ai XIII Giochi paralimpici estivi.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Nel 1998 fu colpita da paralisi alla gamba sinistra, con problemi di mobilità anche del ginocchio destro.

Cominciò a usare la handbike. Nel 2000 prese parte alla sua prima gara, vincendola. Passata a usare un modello fixed frame, prese parte a gare competitive e nel 2001 conquistò il suo primo importante trofeo, laureandosi campionessa europea. In seguito ha vinto altre tre volte i campionati europei e per sette volte i campionati del mondo.

Nel 2008 ha vinto due medaglie d'argento ai Giochi paralimpici di Pechino.

Ha partecipato anche a competizioni di triathlon.

Nel novembre 2010, Van der Vorst annunciò sul suo sito internet di riuscire nuovamente a camminare giustificando la miracolosa guarigione come conseguenza di in uno scontro avuto con un ciclista tedesco nel marzo dello stesso anno[1]. Nel 2011 l'atleta firmò un contratto da ciclista professionista con il team olandese Rabobank e grazie alla sua incredibile storia diventò una celebrità in Olanda[2]. Nell'aprile 2012 però, dopo che numerosi testimoni avevano smentito la sua storia, Monique ha ammesso che la sua invalidità non è mai stata fisica ma solo mentale, e che era già in grado di camminare prima della presunta miracolosa guarigione.[2]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Campionessa disabile torna a camminare, Ansa, 26 dicembre 2010.
  2. ^ a b La vera storia di Monique, campionessa paralimpica, invalida «immaginaria», Corriere della Sera, 12 aprile 2012

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License