Montalenghe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Montalenghe
comune
Montalenghe – Stemma
Montalenghe – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Torino-Stemma.svg Torino
Sindaco Valerio Camillo Grosso (lista civica) dal 05/04/2005
Territorio
Coordinate 45°20′00″N 7°50′00″E / 45.333333°N 7.833333°E45.333333; 7.833333 (Montalenghe)Coordinate: 45°20′00″N 7°50′00″E / 45.333333°N 7.833333°E45.333333; 7.833333 (Montalenghe)
Altitudine 360 m s.l.m.
Superficie 6,53 km²
Abitanti 990[1] (31-12-2010)
Densità 151,61 ab./km²
Comuni confinanti Cuceglio, Mercenasco, Orio Canavese, San Giorgio Canavese, Scarmagno
Altre informazioni
Cod. postale 10090
Prefisso 011
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 001159
Cod. catastale F411
Targa TO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 894 GG[2]
Nome abitanti montalenghesi
Patrono SS. Pietro e Paolo
Giorno festivo 29 giugno
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Montalenghe
Localizzazione del Comune di Montalenghe nella Provincia di Torino.
Localizzazione del Comune di Montalenghe nella Provincia di Torino.
Sito istituzionale

Montalenghe (così anche in piemontese) è un comune di 992 abitanti della provincia di Torino situato nella parte centrale del Canavese, pochi chilometri a sud di Ivrea e a breve distanza dal lago di Candia e dall'autostrada Torino-Aosta.

Il suo nome deriva dall'unione di monte con il patronimico germanico Adeling o Allo, oppure, secondo un'altra interpretazione, dal termine originario Montislega locus silvestris, letteralmente abitato disteso a lingue in luogo boscoso.

Luoghi di interesse storico/artisticomodifica | modifica sorgente

Chiesa di San Pietro: del XIII secolo rimaneggiata verso la fine del XIX secolo

Chiesa della Beata Vergine delle Grazie: attuale chiesa parrocchiale, risale al 1760

Il Castelvecchio (detto anche Castellazzo), antico castello situato sulla cresta collinare sovrastante il paese, realizzato presumibilmente tra il XI e il XII secolo, di cui oggi restano le rovine.

Il cosiddetto Castello, una villa settecentesca con un vasto parco nel cuore del paese, conserva un Cedro del Libano tra i più alti e vecchi d'Italia con i suoi 300 anni e più di vita.

La Cooperativa, fondata nel 1957 e fallita otto anni più tardi, si inserisce nell'ambito delle iniziative promosse da Adriano Olivetti per favorire la cooperazione e una giusta ridistribuzione del lavoro e dei profitti.

Amministrazionemodifica | modifica sorgente

Evoluzione demograficamodifica | modifica sorgente

Abitanti censiti[3]

Galleria d'immaginimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte







Creative Commons License