Montemarcello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Montemarcello
frazione
Montemarcello – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Liguria.svg Liguria
Provincia Provincia della Spezia-Stemma.png La Spezia
Comune Ameglia-Stemma.png Ameglia
Territorio
Coordinate 44°02′51.06″N 9°57′57.4″E / 44.047517°N 9.965944°E44.047517; 9.965944 (Montemarcello)Coordinate: 44°02′51.06″N 9°57′57.4″E / 44.047517°N 9.965944°E44.047517; 9.965944 (Montemarcello)
Altitudine 266 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale 19030
Prefisso 0187
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti montemarcellesi
Patrono san Pietro
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Montemarcello

Montemarcello è una frazione del comune ligure di Ameglia, nella val di Magra in provincia della Spezia, distante dal capoluogo comunale circa 5 chilometri.

Il suo territorio fa parte del parco naturale regionale di Montemarcello-Magra istituito nel 1985.

Il paese dal 19 aprile 2006 fa parte del circuito dei borghi più belli d'Italia[1].

Geografia fisicamodifica | modifica sorgente

Il borgo è situato a 266 metri sul livello del mare presso la cima del promontorio del monte Caprione - celebre per i locali menhir e per i Cavanei, costruzioni in pietra con volta a tholos di epoca imprecisata, ma di tradizione antichissimasenza fonte, con una vista panoramica dell'intera val di Magra del sottostante golfo della Spezia, e delle Alpi Apuane.

Nel territorio, inglobato nell'omonimo parco naturale regionale, è presente sulla vetta del Monte Murlo, un orto botanico sulla flora locale.

Storiamodifica | modifica sorgente

Importante centro del potere vescovile di Luni, il borgo ortogonale di Montemarcello fu citato per la prima volta nel 1286 - Mons Marcelli - in un documento del vescovo di Luni, Enrico, dove viene decisa l'edificazione di opere da difesa lungo il promontorio. Nel 1327 il Signore di Lucca Castruccio Castracani, possessore dal 1320 del feudo amegliese, istituisce la locale podesteria di Ameglia aggregando il borgo di Montemarcello nella provincia di Luni; un documento attesta nel 1328 la presenza di uomini di Montemarcello al primo parlamento svoltosi all'aperto presso il paese di Zanego.

Nel 1485, divenuto oramai possedimento feudale della Repubblica di Genova e con la costruzione della locale chiesa, il paese cominciò ad espandersi e ad assumere l'odierna struttura di borgo fortificato da mura, quest'ultime concesse direttamente dal senato genovese. Nel 1487 subì per le forti rivalità tra Genova e Firenze l'assedio di quest'ultima che incendiò e devastò il borgo.

Nel 1817 una violenta alluvione causerà lo straripamento del fiume Magra che decimerà un buon numero di abitanti, aggravato, tra l'altro, dai sempre più frequenti fenomeni di siccità che porteranno alla compromissione dei raccolti nella piana.

Numerose vittime e ingenti danni causerà inoltre il bombardamento aereo nel 1944 durante la seconda guerra mondiale.

Monumenti e luoghi d'interessemodifica | modifica sorgente

Il borgo conserva elementi architettonici storici: la porta d'ingresso al paese del XV secolo e dello stesso periodo la chiesa parrocchiale di San Pietro edificata secondo alcune fonti nel 1474senza fonte e ampliata al suo stato attuale tra il 1643 e il 1683. Al suo interno è conservato un'ancóna marmorea del 1529 ritraente Gesù Cristo e i Santi Sebastiano e Rocco, attribuita allo scultore francese Domenico Gar, e un trittico in legno del XIV secolo raffigurante la Vergine del Rosario fra i Santi Pietro e Giovanni Battista attribuita a Pietro da Talata detto "maestro di Borsigliana".

Persone legate a Montemarcellomodifica | modifica sorgente

Economiamodifica | modifica sorgente

Il paese con le sue caratteristiche strette vie ben conservate, è una località turistica residenziale, dove viene promosso un tipo di turismo lento, detto "slow travel".senza fonte

Galleria fotograficamodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Fonte dal sito Borghitalia.it

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License