Movimento Italiano Democratico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Movimento Italiano Democratico (MID) era un movimento politico centrista fondato il 22 febbraio 1995 da Sergio Berlinguer[1][2], già ambasciatore, segretario generale della Presidenza della Repubblica durante il settennato Cossiga, e ministro degli italiani all'estero nel Governo Berlusconi I[3], per «contribuire alla costituzione di un centro moderato e riformista, con il richiamo ai valori del riformismo cristiano e del riformismo laico»[4].

Il 21 luglio 1995 il piccolo movimento, vicino a Francesco Cossiga, si federa col neonato CDU di Rocco Buttiglione[5][6][7].

Riceve degli appoggi da quella che era la corrente andreottiana nella Democrazia Cristiana[8], diviene coordinatore nazionale l'ex deputato Carmelo Puja.

Altri aderenti e attivi a livello dirigenziale nel partito sono stati Pietro Giubilo, Vito Bonsignore, il senatore andreottiano cremonese Walter Montini e Luigi Baruffi.

In occasione delle elezioni politiche del 1996 il movimento si stacca dal CDU e si allea con Mariotto Segni e Lamberto Dini sotto le insegne di Rinnovamento Italiano. Elegge così due parlamentari: il deputato Aldo Brancati (nel corso della legislatura poi passato al gruppo misto e quindi ai Democratici di Sinistra) e il senatore bresciano Giovanni Bruni (nel corso della legislatura poi passato a Forza Italia)[9].

In seguito alla defezione dei due parlamentari, il movimento si è sciolto.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ MID: ELEZIONI AL PIÙ PRESTO, NASCE NUOVO MOVIMENTO POLITICO
  2. ^ MID: ELEZIONI AL PIÙ PRESTO, NASCE NUOVO MOVIMENTO POLITICO (2)
  3. ^ L'ex ministro Berlinguer presenta il "suo" partito
  4. ^ LE ADESIONI AL MID
  5. ^ PPI (BUTTIGLIONE): PATTO FEDERATIVO CON MID
  6. ^ Congresso straordinario del Partito Popolare Italiano di Buttiglione Odg: Relazione del Segretario nazionale Rocco Buttiglione e interventi degli ospiti (Roma, Hotel Ergife, 21-23 luglio)
  7. ^ CDU: L'ADESIONE DEL MID DI BERLINGUER
  8. ^ Andreottiani alla riscossa
  9. ^ Sergio Berlinguer: caro Lamberto, fai un partito personale







Creative Commons License