Mozah bint Nasser al-Missned

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Mozah Bint Nasser Al Missned)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Mozah Bint Nasser Al Missned

Sheikha Mozah bint Nasser al-Missned (in arabo موزة بنت ناصر المسند‎; Al-Khor (Qatar), 8 agosto 1959) è la seconda delle tre mogli di Hamad bin Khalifa al-Thani, emiro del Qatar.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Ha sposato l'emiro (all'epoca principe della corona) nel 1977, mentre frequentava l'Università del Qatar. È la figlia di Nasser Abdullah Al-Missned.

Si è laureata presso l'Università del Qatar nel 1986 e attualmente ricopre diverse cariche nel suo paese e all'estero:

  • Presidentessa della Qatar Foundation for Education, Science and Community Development.
  • Presidentessa del Supreme Council for Family Affairs dell'UNAOC, l'Alleanza delle Civiltà delle Nazioni Unite.
  • Vice-presidentessa del Supreme Education Council dell'Unaoc.[1]
  • Inviata speciale per l'Istruzione di Base e Superiore dell'UNESCO.[2]

Ha sette figli, cinque maschi e due femmine;

  • Sheikh Tamim bin Hamad al-Thani
  • Jassim bin Hamad bin Khalifa Al Thani
  • Joaan bin Hamad bin Khalifa Al Thani
  • Khalifa bin Hamad bin Khalifa Al Thani
  • Mohammed bin Hamad bin Khalifa Al Thani
  • Al-Mayassa bint Hamad bin Khalifa Al Thani
  • Hind bint Hamad bin Khalifa Al Thani

Al contrario di altre regine consorti del Medio Oriente, Mozah è attivamente coinvolta nella vita politica del proprio paese tanto da essere al 79º posto nella classifica delle 100 donne più potenti, stilata dalla rivista Forbes.[3]

Onorificenzemodifica | modifica sorgente

Dama di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Dama di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 7 novembre 2007[4]
Dama dell'Ordine del Sorriso (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Dama dell'Ordine del Sorriso (Polonia)
— 2012[5]
Gran croce dell'Ordine dell'infante Dom Henrique (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce dell'Ordine dell'infante Dom Henrique (Portogallo)
— 20 aprile 2009
Dama di commenda dell'Ordine dell'Impero britannico (Regno Unito) - nastrino per uniforme ordinaria Dama di commenda dell'Ordine dell'Impero britannico (Regno Unito)
— 2010
Gran croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Gran croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 20 aprile 2011[6]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (EN) Scheda sul sito dell'UNAOC. URL consultato il 25 giugno 2012.
  2. ^ (EN) Scheda sul sito dell'UNESCO. URL consultato il 25 giugno 2012.
  3. ^ (EN) #79 of Forbes 100 Most Powerful Women. URL consultato il 25 giugno 2012.
  4. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  5. ^ The World of Energy
  6. ^ Bollettino Ufficiale di Stato

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License