Mstislav Keldyš

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mstislav Vsevolodovič Keldyš (rus. Мстислав Всеволодович Келдыш; Riga, 23 febbraio 1911Mosca, 24 giugno 1978) fu un fisico e matematico sovietico.

Nel 1937 si laureò ed entrò come docente all'Università di Mosca. Dopo la Seconda guerra mondiale divenne direttore di una sezione dell'Istituto di Ricerche sulla Propulsione a Reazione fino al 1955 e condusse ricerche sui missili balistici a lunga gittata e sui missili da crociera. In seguito divenne direttore dell'Istituto di Matematica Applicata fino al 1978. Dal 1961 al 1975 fu presidente dell'Accademia delle Scienze dell'URSS.

Keldish diede un contributo fondamentale al programma spaziale sovietico mettendo a punto i calcoli per le traiettorie dei satelliti artificiali e delle sonde spaziali lunari e interplanetarie. Sostenne Sergej Pavlovič Korolëv e il suo progetto di sbarco umano sulla Luna. Quando il progetto fallì, spinse per l'invio di sonde automatiche che avrebbero dovuto riportare sulla Terra campioni di rocce; la sonda Luna 16 riuscì nell'intento e i sovietici poterono tentare di far credere che non c'era mai stato il progetto di uno sbarco umano sulla Luna da parte dell'URSS. Negli ultimi anni della sua attività sostenne lo sviluppo dello space shuttle Buran.

Premimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente


Controllo di autorità VIAF: 109020046 LCCN: n81037069

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie







Creative Commons License