NGC 4609

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
NGC 4609
Ammasso aperto
NGC 4609
NGC 4609
Scoperta
Scopritore James Dunlop
Anno 1826
Dati osservativi
(epoca J2000)
Costellazione Croce del Sud
Ascensione retta 12h 42m 18s [1]
Declinazione -62° 59′ 42″[1]
Distanza 3990[2] a.l.
(1223[2] pc)
Magnitudine apparente (V) 6,9[1]
Dimensione apparente (V) 5'
Caratteristiche fisiche
Tipo Ammasso aperto
Classe II 2 m
Età stimata 78 milioni di anni[2]
Altre designazioni
C 98; Cr 263; OCl 890; ESO 095-SC014;
Lund 625; h 3407; GC 3145[1]
Categoria di ammassi aperti

NGC 4609 (noto anche come C 98) è un ammasso aperto visibile nella costellazione della Croce del Sud.

Osservazionemodifica | modifica sorgente

Mappa per individuare NGC 4609.

È visibile sul bordo occidentale della Nebulosa Sacco di Carbone, 1,5 gradi ad est della brillante stella Acrux e vicino alla stella variabile BZ Crucis, di magnitudine 5,27; è composto da alcune stelle gialle di nona e decima magnitudine, così da risulatre visibile, seppure con difficoltà, anche con un binocolo 10x50. Con un telescopio di 80mm sono visibili una decina di stelle disposte in concatenazioni quasi parallele; 150mm lo risolve completamente; con strumenti da 200mm l'ammasso è risolto ampiamente in alcune decine di stelle fino alla magnitudine 13,7.

Quest'ammasso si trova ad una declinazione fortemente australe, pertanto non è osservabile da molte delle regioni abitate dell'emisfero boreale, come l'Europa e quasi tutto il Nordamerica; da diverse regioni abitate dell'emisfero australe, al contrario, si presenza circumpolare.[3] Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale è quello compreso fra febbraio e luglio.

Storia delle osservazionimodifica | modifica sorgente

NGC 4609 venne individuato per la prima volta da James Dunlop nel 1826, quando prestava servizio come sovrintendente dell'osservatorio del Nuovo Galles del Sud in Australia; l'astronomo John Herschel lo riosservò in seguito e lo inserì nel suo General Catalogue of Nebulae and Clusters col numero 3145.[4][5]

Caratteristichemodifica | modifica sorgente

NGC 4609 è un ammasso piuttosto ricco e concentrato, anche se le sue componenti sono in prevalenza deboli; la sua distanza è stimata attorno ai 1223 parsec (circa 3990 anni luce)[2] ed è quindi situato sul bordo esterno del Braccio del Sagittario, in direzione di una regione di una regione piuttosto ricca di stelle giovani e regioni H II associate a nubi molecolari giganti.

La Nebulosa Sacco di Carbone si sovrappone lungo la linea di vista di quest'ammasso, cosicché le sue stelle ne risultano oscurate e i campi stellari circostanti appaiono molto poveri; la sua età è stimata sui 78 milioni di anni ed è pertanto un ammasso giovane. Contiene una popolazione stellare piuttosto povera, su cui spiccano alcune stelle calde di classe spettrale B e A sulla sequenza principale. A breve distanza angolare in direzione sudest si trova il piccolo ammasso Hogg 15, la cui distanza è stimata di circa 3200 parsec, dunque molto più in là di NGC 4609, e al cui interno è presente una stella di Wolf-Rayet.[6]

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d SIMBAD Astronomical Database in Results for NGC 4609. URL consultato il 23 agosto 2013.
  2. ^ a b c d WEBDA page for open cluster NGC 4609. URL consultato il 23 agosto 2013.
  3. ^ Una declinazione di 63°S equivale ad una distanza angolare dal polo sud celeste di 27°; il che equivale a dire che a sud del 27°S l'oggetto si presenta circumpolare, mentre a nord del 27°N l'oggetto non sorge mai.
  4. ^ Catalogo NGC/IC online - result for NGC 4609. URL consultato il 23 agosto 2013.
  5. ^ Stephen James O'Meara, Deep Sky Companions: The Caldwell Objects, Cambridge University Press, 2003. ISBN 0-521-55332-6.
  6. ^ Kook, Seung-Hwa; Sung, Hwankyung; Bessell, M. S., UBVI CCD Photometry of the Open Clusters NGC 4609 and Hogg 15 in Journal of the Korean Astronomical Society, vol. 43, n. 5, ottobre 2010, pp. 141-152. URL consultato il 23 agosto 2013.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente



Orion Nebula - Hubble 2006 mosaic 18000.jpg    New General Catalogue:    NGC 4607  •  NGC 4608  •  NGC 4609  •  NGC 4610  •  NGC 4611   
oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari







Creative Commons License