NGC 7023

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
NGC 7023
Nebulosa a riflessione
La Nebulosa NGC 7023
La Nebulosa NGC 7023
Scoperta
Scopritore William Herschel
Anno 1794
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
Costellazione Cefeo
Ascensione retta 21h 00m 30,00s
Declinazione +68° 10′ 00″
Distanza 1400 a.l.
(429 pc)
Magnitudine apparente (V) 7,7
Dimensione apparente (V) 10" × 8"
Caratteristiche fisiche
Tipo Nebulosa a riflessione
Galassia di appartenenza Via Lattea
Altre designazioni
C4, Cr 429, LBN 487, vdB 139, OCL 235
Categoria di nebulose a riflessione

NGC 7023 (talvolta nota come Nebulosa Iride o con la sigla C 4) è una nebulosa diffusa visibile nella costellazione boreale di Cefeo. Fu scoperta da William Herschel nel 1794.

Osservazionemodifica | modifica sorgente

Mappa per individuare NGC 7023.

Questa piccola nebulosa si individua circa 3,5° a sud-ovest della stella β Cephei (Alfirk) una particolare stella doppia e variabile; la nebulosa circonda una stella di magnitudine 7,7, quest'ultima facilmente rintracciabile con un binocolo. Anche la nebulosa in sé può essere visibile con un potente binocolo, se le condizioni di osservazione sono ottimali. Un telescopio di medie dimensioni è già in grado di rivelare alcuni particolari della nebulosa, come una sorta di barra centrale che si estende da nord a sud.

NGC 7023 ha una declinazione fortemente boreale, pertanto si presenta circumpolare da gran parte dell'emisfero nord; sebbene il periodo in cui raggiunge la sua massima altezza nel cielo serale si compreso fra i mesi di agosto e novembre, resta visibile per tutte le notti dell'anno fino alle latitudini subtropicali boreali. Dall'emisfero sud, al contrario, la sua visibilità è limitata alle regioni comprese fra l'equatore e il Tropico del Capricorno.[1]

Storia delle osservazionimodifica | modifica sorgente

Storicamente c'è stata una certa confusione sulla natura dell'oggetto; William Herschel, il suo scopritore, affermò correttamente che si trattava di un oggetto nebuloso che circondava una stella di settima grandezza, come pure la prima edizione del New General Catalogue che lo catalogò appunto col numero 7023. La confusione probabilmente iniziò quando Per Collinder, famoso per aver compilato il suo catalogo di ammassi aperti, lo scambiò con uno di questi, inserendolo nel suo catalogo con la sigla Cr 429. L'errore fu poi ripreso in seguito, al punto che persino il database SIMBAD lo riporta solo come un ammasso aperto.[2] In realtà l'ammasso si trova all'interno della nebulosa.

Caratteristichemodifica | modifica sorgente

NGC 7023 è una nebulosa a riflessione, ossia riflette la luce di alcune stelle vicine; probabilmente la stella principale responsabile della sua illuminazione è proprio la stellina si settima grandezza, catalogata come HD 200775, la quale si troverebbe avvolta dalla nebulosa, assieme ad altre stelle meno brillanti nate dalle sue polveri e che vanno a formare l'ammasso aperto. La nebulosa dista da noi circa probabilmente 1400 anni luce[3] e misura circa a.l. Fa probabilmente parte del vasto Complesso nebuloso molecolare di Cefeo.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Una declinazione di 68°N equivale ad una distanza angolare dal polo sud celeste di 22°; il che equivale a dire che a nord del 22°N l'oggetto si presenta circumpolare, mentre a sud del 22°S l'oggetto non sorge mai.
  2. ^ SIMBAD query result for NGC 7023. URL consultato il 7 ottobre 2009.
  3. ^ Viotti, R., On the stellar nucleous of NGC 7023 in Memorie della Società Astronomica Italiana, vol. 40, 1969, p. 75. URL consultato il 10 marzo 2009.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Opere generalimodifica | modifica sorgente

  • (EN) Stephen James O'Meara, Deep Sky Companions: The Caldwell Objects, Cambridge University Press, 2003. ISBN 0-521-55332-6.
  • (EN) Jay M. Pasachoff, Atlas of the Sky in Stars and Planets, New York, NY, Peterson Field Guides, 2000. ISBN 0-395-93432-X.
  • (EN) Sir Patrick Caldwell-Moore, Firefly: Atlas of the Universe, Firefly Books Limited, 2003. ISBN 1-55297-819-2.

Carte celestimodifica | modifica sorgente

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I - The Northern Hemisphere to -6°, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987. ISBN 0-943396-14-X.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0, 2ª ed., Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998. ISBN 0-933346-90-5.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente



Orion Nebula - Hubble 2006 mosaic 18000.jpg    New General Catalogue:    NGC 7021  •  NGC 7022  •  NGC 7023  •  NGC 7024  •  NGC 7025   
oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari







Creative Commons License