Napoli si ribella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Napoli si ribella
Titolo originale Napoli si ribella
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1977
Durata 90 min
Colore Colore
Audio sonoro
Genere poliziesco
Regia Michele Massimo Tarantini
Soggetto Dardano Sacchetti
Sceneggiatura Michele Massimo Tarantini, Dardano Sacchetti
Casa di produzione Dania
Distribuzione (Italia) Titanus
Fotografia Sergio Rubini
Montaggio Alberto Moriani
Musiche Franco Campanino
Interpreti e personaggi

Napoli si ribella è un film del 1977 diretto da Michele Massimo Tarantini.

Tramamodifica | modifica sorgente

Il commissario di polizia Dario Mauri, dai metodi duri e spesso contestati, trasferito da Milano a Napoli, si trova ad indagare su un furto avvenuto in una banca relativo ad alcune cassette di sicurezza. Coadiuvato nelle indagini dal maresciallo Nicola Capece, inizialmente il caso sembra essere una banale questione di gioielli; in realtà il commissario si trova ad affrontare un potente boss, Domenico Laurenzi, trafficante di droga e assassino, difeso costantemente con successo dall'avvocato Cerullo.

Solo dopo il succedersi di diversi omicidi e dopo avere rischiato la vita, Dario e Nicola scoprono che il Laurenzi è stato tradito da un suo dipendente che gli ha sottratto una grossa quantità di droga e lo ha messo nell'impossibilità di far fronte a impegni presi con delinquenti di rilievo internazionale.

Locationmodifica | modifica sorgente

Il film è stato girato a Napoli e a Roma. La villa vicino alla ferrovia dove Luc Merenda si incontra con l'avvocato Cerullo che all'epoca era ancora da ristrutturare si trova a Bagnoli mentre la villa del boss interpretato da Claudio Gora era quella del principe Giovannelli a Roma.

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema







Creative Commons License