Nico Garrone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nico Garrone (Roma, 2 giugno 1940Roma, 21 febbraio 2009) è stato un giornalista italiano, critico teatrale de La Repubblica fin dal numero 0 del quotidiano nel 1976.

Oltre che critico teatrale, Garrone fu autore di diversi saggi sul teatro e di numerose drammatizzazioni di opere letterarie (Ebdomero, Nedda) ma anche sceneggiatore (per due film di Memè Perlini, Grand Hôtel des Palmes e Ferdinando, uomo d'amore ed un documentario di Maria Bosio, Breve ma veridica storia della pittura italiana), regista televisivo (Prima della Prima), regista di documentari sul teatro e il mondo dell'arte. Nel 2006-07 curò un periodico romano dal titolo Off. Quotidiano di Spettacolo[1].

Ha ricoperto il ruolo di direttore artistico del Festival di Radicondoli.

È stato sposato con la fotografa Donatella Rimoldi. Ha avuto due figli, Matteo, regista e sceneggiatore, e Stefano. È morto a Roma il 21 febbraio 2009, per un tumore[2].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Massimo Bacigalupo, Garrone o la felicità. URL consultato il 05-03-2009.
  2. ^ Rodolfo Di Giammarco, Addio al critico Nico Garrone, la Repubblica. URL consultato il 05-03-2009.







Creative Commons License