Nicola Rizzoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicola Rizzoli
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Nome Nicola Rizzoli
Sezione Bologna
Professione Architetto
Altezza 178 cm
Peso 70 kg
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1998 - 2001
2001 - 2010
2010 -
Serie C
Serie A e B
Serie A
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Attività internazionale
2007 - UEFA e FIFA Arbitro
Esordio Germania - Romania 3 - 1
12 settembre 2007
Premi
Anno Premio
2007
2011, 2012, 2013
Premio Giovanni Mauro
Migliore arbitro della serie A

Nicola Rizzoli (Mirandola, 5 ottobre 1971) è un arbitro di calcio italiano.

Dopo Lo Bello, Agnolin, Lanese, Braschi e Collina, è il sesto arbitro italiano in assoluto ad aver diretto una finale di Champions League. È inoltre l'arbitro della finale della prima edizione della nuova Europa League, nel 2009, dopo la riforma della vecchia Coppa Uefa.

Secondo la classifica del Miglior arbitro dell'anno IFFHS relativa al 2013, è il secondo migliore arbitro al mondo dopo Howard Webb[1] nonché considerato uno dei migliori fischietti italiani.

Carrieramodifica | modifica sorgente

È appartenente alla Sezione AIA di Bologna, dopo aver collezionato 33 presenze in serie C1, a cui si deve aggiungere una finale dei playoff di serie C2, nel 2001 viene promosso alla CAN A e B su proposta del dirigente arbitrale Maurizio Mattei. Nel 2002, il 14 aprile, riesce a fare il debutto in serie A in occasione della partita Venezia-Perugia (0-2), per decisione degli allora designatori Paolo Bergamo e Pierluigi Pairetto.

Nel 2006 vive l'annata della consacrazione, con designazioni prestigiose come la finale di ritorno dello spareggio per la permanenza in serie B tra AlbinoLeffe e Avellino (disputata in condizioni difficili per la vicenda Calciopoli che stava coinvolgendo in quei giorni il settore arbitrale), o la classica della serie A (campionato 2006/2007) Roma-Inter. Al termine della stagione 2012-2013 ha diretto 165 partite in serie A (tra cui numerose "classiche", come 2 Juventus-Inter, 4 Derby di Milano, 2 Derby di Roma, 4 Milan-Juventus, 3 Juventus-Roma, 4 Inter-Roma, 1 Milan-Roma, 1 Derby della Mole, 1 Derby della Lanterna e gli spareggi-promozione della serie B del 2009 Brescia-Livorno e del 2010 Brescia-Torino).

Di professione architetto, equilibrato e disponibile al dialogo coi giocatori, nel 2006 è stato anche eletto presidente della Sezione AIA di Bologna, carica alla quale però rinuncia un anno dopo per concentrarsi sul lavoro tecnico. Il 1 gennaio 2007 viene inserito nella lista degli arbitri internazionali, e con tale qualifica debutta nella UEFA Champions League nell'ottobre 2008 dirigendo Sporting Lisbona-Basilea. Dal 1º luglio 2009 entra a far parte del gruppo Elite degli Arbitri UEFA (i top d'Europa). Per questo riceve inoltre dall'AIA il premio Concetto Lo Bello, riservato al direttore di gara iscritto negli elenchi FIFA (dunque internazionale) distintosi nel corso dell'ultima stagione sportiva.

Il 10 marzo 2010 fa il suo esordio nella fase ad eliminazione diretta della Champions League, dirigendo il ritorno degli ottavi di finale tra Real Madrid e O. Lione. La buona prestazione lo porta ad ottenere un'altra prestigiosa designazione, il 7 aprile successivo, per il ritorno del quarto di finale tra Manchester United e Bayern Monaco, all'Old Trafford. Si tratta sicuramente della fase più importante della carriera dell'arbitro modenese. Il 5 maggio 2010 è chiamato a dirigere, per la prima volta nella sua carriera, la finale di Coppa Italia, disputatasi nell'occasione tra Inter e Roma. Il 12 maggio 2010, dirige ad Amburgo la finale di Europa League tra Atletico Madrid e Fulham con vittoria dell'Atletico Madrid per 2-1 dopo i tempi supplementari.

Il 3 luglio 2010, con la scissione della C.A.N. A-B in C.A.N. A e C.A.N. B, viene inserito nell'organico della C.A.N. A. Il 6 agosto 2011 dirige, per la prima volta in carriera, la Supercoppa Italiana, nell'occasione disputatasi a Pechino tra Milan e Inter. Nel novembre 2011 è designato per dirigere una delle partite di ritorno degli spareggi per l'accesso a Euro2012. Gli viene assegnato il match tra Montenegro e Repubblica Ceca. Nel dicembre 2011 è selezionato dalla FIFA per la Coppa del mondo per club FIFA 2011, in programma in Giappone. Si tratta, per l'arbitro emiliano, della prima esperienza in un torneo al di fuori della confederazione UEFA.[2] In tale competizione il fischietto italiano risulterà uno dei due arbitri (l'altro è l'uzbeko Irmatov) a dirigere due partite, e precisamente: il playoff d'accesso tra i giapponesi del Kashiwa Reysol e i neozelandesi dell'Auckland City, e successivamente una delle due semifinali, tra la succitata squadra nipponica e i brasiliani del Santos.

Pochi giorni dopo, l'UEFA rende noto che il fischietto italiano è stato selezionato ufficialmente per gli Europei di calcio del 2012 in Polonia ed Ucraina.[3] Il 23 gennaio 2012 riceve per la prima volta il premio di Miglior arbitro AIC, relativamente all'anno solare 2011, avendo la meglio su Paolo Tagliavento e Mauro Bergonzi, i quali erano in nomination con lui.[4] Nell'aprile 2012 viene inserito dalla FIFA in una lista di 52 arbitri preselezionati per i Mondiali 2014.[5] Agli europei in Polonia ed Ucraina il fischietto italiano arbitra dapprima due partite della fase a gironi: Francia-Inghilterra e Olanda-Portogallo, e successivamente il 23 giugno la partita dei quarti di finale tra Francia e Spagna. Nell'agosto 2012 gli viene conferito il Premio Giovanni Mauro per la stagione 2006-2007, precedentemente rimasto senza assegnazione.[6]

Il 27 gennaio 2013 riceve per la seconda volta di fila il premio di Miglior arbitro AIC, relativamente all'anno solare 2012, avendo la meglio su Daniele Orsato e Andrea Romeo, i quali erano in nomination con lui.[7] Il 20 maggio 2013 viene designato per arbitrare la finale di Champions League in programma sabato 25 maggio allo stadio di Wembley di Londra tra Bayern Monaco e Borussia Dortmund.[8] Nel giugno del 2013 è selezionato dalla FIFA per prendere parte ai Mondiali Under 20 in Turchia[9]. Nella circostanza, viene designato per dirigere una gara della fase a gironi ( Paraguay- Messico 1:0 a Gaziantep ) e un quarto di finale (Ghana - Cile 4:3 dopo t.s. a Istanbul).

Nel novembre 2013 viene designato dalla commissione arbitrale FIFA per dirigere l'andata di Portogallo-Svezia, uno degli spareggi UEFA per l'accesso ai mondiali di Brasile 2014.

Il 15 gennaio 2014 viene selezionato ufficialmente per i Mondiali 2014 in Brasile[10]. Il 27 dello stesso mese riceve per la terza volta di fila il premio di Migliore arbitro della serie A, avendo la meglio sugli altri due candidati in nomination Daniele Orsato e Gianluca Rocchi.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ http://www.iffhs.de/the-worlds-best-referee-2013/
  2. ^ AIA | Associazione Italiana Arbitri | Nicola Rizzoli designato per la FIFA CLUB WORLD CUP
  3. ^ UEFA EURO 2012: scelti gli arbitri – UEFA.com
  4. ^ AIA | Associazione Italiana Arbitri | Gran Cala' del Calcio 2011: Rizzoli premiato miglior arbitro
  5. ^ Prospective referees for the 2014 FIFA World Cup Brazil, scribd.com, 20 aprile 2012.
  6. ^ PREMIO “BWIN” AL MIGLIOR ARBITRO DI SERIE B, aiateramo.it, 24 agosto 2012.
  7. ^ Oscar Aic, trionfa Pirlo, corrieredellosport.it, 27 gennaio 2012.
  8. ^ Rizzoli per la finale di UEFA Champions League - UEFA.org
  9. ^ FIFA U-20 World Cup Turkey 2013 - Appointments of Match Officials, FIFA.com, 13 maggio 2013.
  10. ^ Referees & Assistant referees for the 2014 FIFA World Cup TM, FIFA.com, 15 gennaio 2014.







Creative Commons License