Notte (mitologia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Notte o Nyx (in greco antico Nύξ, Nyx, appunto "notte") è una delle divinità primordiali della mitologia greca[1][2].

Secondo la Teogonia di Esiodo, Notte era figlia di Caos, mentre nella cosmogonia orfica era figlia di Phanes[1][2]; nelle Fabulae, Igino Astronomo la dice figlia di Caos e di Caligine[3]. Sempre secondo Esiodo, Notte era la personificazione della notte terrestre, in contrapposizione al fratello Erebo, che rappresentava la notte del mondo infernale. Era inoltre contrapposta ai suoi figli Etere (la luce) ed Emera (il giorno).

Notte era una delle divinità più antiche, e dimorava nell'Ade; secondo Omero, anche Zeus ne aveva paura[2].

Questa divinità fu ripresa nella mitologia romana con il nome di Nox[4].

Figli di Nottemodifica | modifica sorgente

Notte fu madre di alcune delle altre divinità primordiali: secondo Esiodo (Teogonia) e Cicerone (De natura deorum), da suo fratello Erebo Notte ebbe Etere ed Emera[1][2]; secondo Cicerone e Igino fu madre anche di Eros, sempre da Erebo[1]; Bacchilide afferma invece che Emera la concepì con Crono[1].

Oltre a questi figli, le è attribuita la maternità anche di numerose altre figure della mitologia greca, perlopiù daimones (a volte detti "personificazioni"). Nella Teogonia, Esiodo dice che, senza controparte maschile, Notte da sola generò[1][2]:

Anche Igino le attribuisce più o meno gli stessi figli, ma stavolta generati con Erebo[1]:

Cicerone le attribuisce, sempre con Erebo[1]:

  • Amor (Eros)
  • Dolus (Dolos)
  • Le esperidi
  • Fatum (Moros)
  • Fraus (Apate)
  • Gratia (Philotes)
  • Invidentia (Nemesi)
  • Labor (Ponos)
  • Metus (Fobos)
  • Miseria (Oizys)
  • Morbus (Nosos)
  • Mors (Tanato)
  • Le parche (moire)
  • Pertinacia
  • Querella (Momos)
  • Senectus (Geras)
  • Somnia (gli oneiroi)
  • Tenebrae (Keres)

Altre fonti le attribuiscono poi diversi altri figli: ad esempio, sia da Cicerone che nell'Argonautica Orphica è detta madre di Urano; Bacchilide (Frammento 1b) le attribuisce Ecate; la maternità delle erinni le viene attribuita da Eschilo (Le Eumenidi), Licofrone (Alessandra), Ovidio (Le metamorfosi) e Virgilio (Eneide)[1]. Nell'Eracle di Euripide è detta anche madre di Lissa, concepita quando venne a contatto col sangue che Urano perse quando venne evirato da Crono.

Dai romani era considerata anche madre di Erumna (Aerumna in latino), la dea dell'incertezza e dell'inquietudine, in costante compagnia del Dolore e del Timore[5][6].

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c d e f g h i (EN) NYX, Theoi Greek Mythology. URL consultato il 5 marzo 2014.
  2. ^ a b c d e (EN) NYX, Greek Mythology Index. URL consultato il 5 marzo 2014.
  3. ^ Igino Astronomo, Fabulae, prologo
  4. ^ Virgilio, Eneide,V 721
  5. ^ Curotto, op. cit.
  6. ^ Sechi Mestica, op. cit., p. 93.

Bibliografiamodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca







Creative Commons License