Noviodunum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Noviodunum è un toponimo gallo-romano, utilizzato da Gaio Giulio Cesare nel 52 a.C., per denominare i nuovi agglomerati gallici sorti in conseguenza delle trasformazioni geopolitiche successive alla sua prima campagna gallica del 58 a.C.

Etimologiamodifica | modifica sorgente

Il termine conserva la radice celtica dun, presente in molti toponimi, il cui significato è «fortificazione», «collina». Noviodunum può quindi intendersi nel senso di «città nuova».

Localizzazionimodifica | modifica sorgente

Il termine si riferisce a città appartenenti a diversi popoli: Biturigi, Suessioni, Edui e altri. Pertanto sono diversi i siti che, a diverso titolo, reclamano di essere stati sede di un'antica città chiamata Noviodunum:

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ Romani in Dobrugia

Voci correlatemodifica | modifica sorgente








Creative Commons License