Nuno Espírito Santo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nuno
Dati biografici
Nome Nuno Herlander Simões Espírito Santo
Nazionalità Portogallo Portogallo
Altezza 188 cm
Peso 84 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Portiere
Squadra Panathinaikos Panathinaikos (Assistente)
Carriera
Squadre di club1
1992-1993 Vitoria Guimaraes Vitória Guimarães 1 (-?)
1993-1994 Vila Real 19 (-?)
1994-1996 Vitoria Guimaraes Vitória Guimarães 33 (-?)
1997-1998 Deportivo Deportivo 2 (-?)
1998-2000 Merida Mérida 69 (-?)
2000-2001 Osasuna Osasuna 33 (-?)
2001-2002 Deportivo Deportivo 2 (-?)
2002-2004 Porto Porto 16 (-?)
2005-2006 Dinamo Mosca Dinamo Mosca 11 (-?)
2007 Desp. Aves Desp. Aves 15 (-?)
2007-2010 Porto Porto 8 (-?)
Nazionale
1994-1996 Portogallo Portogallo U-21 3 (-?)
Carriera da allenatore
2010 Malaga Málaga Portieri
2010- Panathinaikos Panathinaikos Assistente
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 marzo 2010

Nuno Herlander Simões Espírito Santo conosciuto semplicemente come Nuno (São Tomé, 25 gennaio 1974) è un ex calciatore portoghese, di ruolo portiere.

Carrieramodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Nuno ha iniziato la carriera con il Vitória Guimarães nel 1992. Nel gennaio 1997 è stato acquistato dagli spagnoli del Deportivo La Coruña, trascorrendo tre delle sei stagioni in Galizia in prestito (due al Mérida e una all'Osasuna), data la presenza in rosa di Jacques Songo'o prima e José Francisco Molina poi.

Nel luglio del 2002 il Porto lo ha riportato in patria, versando nelle casse del Deportivo 3 milioni di euro.[1] Durante la partita di Coppa del Portogallo 2002-2003 contro il Varzim ha segnato su calcio di rigore la rete del definitivo 7–0 in favore del Porto.[2] Il 12 dicembre 2004 ha sostituito Vítor Baía durante il primo tempo supplementare della partita di Coppa Intercontinentale contro l'Once Caldas, vinta dai portoghesi ai rigori (8-7) dopo lo 0-0 nei 120'.[3] A gennaio è stato ceduto alla Dinamo Mosca.

Dopo due stagioni in Russia è tornato nuovamente in Portogallo nel gennaio 2007, acquistato dalla Desportivo Aves per poi ritornare al Porto nell'estate successiva. Nel giugno 2010 ha rescisso il contratto con il Porto[4] e ha deciso di ritirarsi dal calcio giocato.

Dopo il ritiro, è stato preparatore dei portieri al Málaga nel 2010 e a novembre dello stesso anno assistente di Jesualdo Ferreira al Panathinaikos.

Nazionalemodifica | modifica sorgente

Il 7 giugno 2008 è stato convocato da Scolari per sostituire Quim, infortunatosi al polso,[5] nella lista dei 23 giocatori del Portogallo per l'Europeo 2008.

Palmarèsmodifica | modifica sorgente

Clubmodifica | modifica sorgente

Competizioni nazionalimodifica | modifica sorgente

Deportivo La Coruña: 2001-2002
Porto: 2002-2003, 2003-2004, 2007-2008, 2008-2009
Porto: 2002-2003
Porto: 2003, 2004

Competizioni internazionalimodifica | modifica sorgente

Porto: 2002-2003
Porto: 2003-2004
Porto: 2004

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ (PT) Facto relevante (PDF), fcporto.pt, 22-07-2002. URL consultato il 22-05-2011.
  2. ^ (PT) Norberto A. Lopes, F. C. Porto: Nuno é mais que um guarda-redes, jn.pt, 08-10-2008. URL consultato il 22-05-2011.
  3. ^ Il Porto corona un anno bellissimo, uefa.com, 12-12-2004. URL consultato il 22-05-2011.
  4. ^ (PT) Comunicado da FC Porto – Futebol, SAD, fcporto.pt, 21-06-2010. URL consultato il 22-05-2011.
  5. ^ Quim non si dà pace, uefa.com, 07-06-2008. URL consultato il 22-05-2011.

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente








Creative Commons License