Ole Worm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ole Worm

Ole Worm, conosciuto anche come Olaus Wormius, forma latinizzata del nome (Århus, 13 maggio 1588Copenaghen, 31 agosto 1654), è stato un medico, biologo e filologo danese, noto soprattutto come collezionista di cose antiche: è considerato il “padre” degli studi di archeologia in Scandinavia.

Il cosiddetto Museum Wormianum
Disegno tratto dall'opera di Ole Worm Danicorum monumentorum
Uno dei corni d'oro di Gallehus, disegnato da Ole Worm

Nel campo della medicina, è famoso per le sue ricerche nel settore dell'embriologia: da lui prendono il nome le ossa del cranio dette “ossa wormiane”.[1] Inoltre, nel campo della biologia-zoologia, si deve a lui, tra l'altro, la prima descrizione precisa sugli uccelli del paradiso (uccelli del paradiso), dei quali si credeva precedentemente che fossero privi di zampe, e l'inclusione del lemming nell'ordine dei roditori.

È tuttavia ricordato soprattutto per i suoi studi nel campo delle letterature e delle lingue scandinave antiche, e in particolare della runologia, a cui dedicò i celebri trattati Fasti Danici (“Cronologia danese”, 1626), Runir seu Danica literatura antiquissima (“Le rune, la più antica letteratura danese”, 1636) e Danicorum Monumentorum (1643).

Ole Worm fu un grande collezionista di piante, animali, pietre, minerali, fossili, ecc. che ordinò sistematicamente nel cosiddetto Museum Wormianum a Copenaghen, sul quale, dopo la sua morte, nel 1655 il figlio Willum ha compilato un catalogo uscito a Leida (Paesi Bassi) nel 1655 con questo stesso titolo.

Una parte delle sue collezioni si trovano ora allo Statens Naturhistoriske Museum (“Museo di Stato storico-naturale”) di Copenaghen.

Biografiamodifica | modifica sorgente

Ole Worm nacque ad Århus (Jutland, Danimarca) il 13 maggio 1588: suo padre era il sindaco della città; sua madre era una luterana fuggita da Arnhem, nei Paesi Bassi, durante le persecuzioni cattoliche[2].

Dopo aver frequentato il liceo ad Århus, studiò a Marburgo e Giessen nel 1605, a Padova (1608 – 1609), a Strasburgo e a Basilea, dove nel 1611 conseguì la laurea in medicina[3]. Inoltre soggiornò a Napoli, dove incontrò il famoso naturalista Ferrante Imperato (15501615), a Bologna, dove visitò i giardini botanici creati da Ulisse Aldrovandi (15221605), la cui opera Historia Naturalis, fu alla base dei suoi studi successivi, e ad Enkhuizen (Paesi Bassi).[3]

Altra immagine di Ole Worm

Dopo aver praticato – anche in Inghilterra – come medico per qualche tempo, nel 1617 ottenne una cattedra all'Università di Copenaghen, dove insegnò latino, greco e fisica, mentre nel 1624, divenne professore di medicina. Fu inoltre il medico personale di re Cristiano V di Danimarca[1].

Si dedicò poi agli studi sulla runologia, collezionando varie iscrizioni incise con quell'alfabeto e pubblicando vari testi sull'argomento, tra cui i celebri trattati Fasti Danici (1626, una cronologia della Danimarca, che contiene i risultati delle sue ricerche sulle rune), Runir seu Danica literatura antiquissima (1636) De aureo cornu (1641, trattato sui corni d'oro di Gallehus), Danicorum monumentorum o Monumenta danica (1643, una collezione di immagini di iscrizioni runiche in 6 volumi)[1].

Morì a Copenaghen il 31 agosto 1654 in seguito ad una malattia alla vescica, causata da una delle epidemie di peste che in quel periodo stavano falcidiando la capitale danese in quel periodo e che lui stava tentando di curare.[3]

Operemodifica | modifica sorgente

Ole Worm nella letteratura popolaremodifica | modifica sorgente

Ole Worm è diventato anche un personaggio fittizio creato da Howard Phillips Lovecraft (1890- 1937), che lo ha fatto diventare un traduttore dal greco e dal latino, vissuto nel XIII secolo, che avrebbe tradotto anche il libro leggendario Necronomicon.

Notemodifica | modifica sorgente

  1. ^ a b c cfr. p. es. http://knowledgerush.com/kr/encyclopedia/Ole_Worm/
  2. ^ http://knowledgerush.com/kr/encyclopedia/Ole_Worm/
  3. ^ a b c http://www.kunstkammer.dk/H_R/H_R/worm.shtml o http://www.kunstkammer.dk/H_R/H_R_UK/GBworm.shtml

Voci correlatemodifica | modifica sorgente

Altri progettimodifica | modifica sorgente

Collegamenti esternimodifica | modifica sorgente

Controllo di autorità VIAF: 34634238 LCCN: n85241142








Creative Commons License